Aversa

Rione Bagno, l’ira di De Michele: “Cittadini illusi con promesse”

Tonino De MicheleAVERSA. “Il sindaco di Cesa dice che la sua amministrazione di centrosinistra ha già vinto nel momento in cui è stato indetto il referendum.

Non interessa al sindaco l’esito del referendum, dal momento che sono stati i residenti del Rione Bagno asollecitare la consultazione ma solo la segreteria politica del Pd araccogliere le firme per avviare la procedura referendaria sostenuta ecaldeggiata da un consigliere regionale del Pd”.

Il capogruppo consiliare del Popolo della Libertà di Aversa, Tonino De Michele, cesano di origini, piomba nel dibattito, latente, sul referendum per l’annessione del Rione Bagno a Cesa e lo fa con accuse gravi delle quali sarà, eventualmente solo lui a rispondere, quando afferma: “Non si può coartare la libertà discelta con la promessa di una gitarella, di un loculo e facendo pagare il ticketmensa dei figli dei residenti del Rione Bagno che frequentano le scuole di Cesaad un prezzo maggiorato rispetto ai bambini di Cesa. Altro che chiarezza e democrazia!”.

Per De Michele “il 70% dei cittadini del Rione Bagno non vuole cambiare per molteplicimotivi e quelli che hanno firmato la petizione sono stati sollecitati conpromesse. Il consiglio comunale di Aversa espresse all’unanimità parerenegativo al distacco soprattutto perché senza una conferenza dei servizi. Non si può invitare il cittadino aversano a votare su un piano pubblicato dal comune di Cesa senza un preventivo accordo con l’amministrazione comunale di Aversa, trovandosi il Rione Bagno nel territorio di Aversa. I cittadini del Rione Bagno sceglieranno con serenità il destino dei loro figli: nessuna forzapolitica dovrà scegliere per loro”.

Dopo l’auspicato “No” al referendum, De Michele vede “una conferenza dei servizi dei sindaci dell’Agro, che, se si vorrà, potrà definire i confini di ognisingolo comune”. Sin qui le dichiarazioni di De Michele che è nella sua ambivalente veste di “cesano acquisito aversano”.

Ma ieri, ad Aversa, è stata la volta anche del primo manifesto di propaganda per il referendum di domenica prossima. Manifesto voluto dai consiglieri comunali del Gruppo Unico delle Autonomie Paolo Santulli, Mario Abate, Salvatore De Gaetano e Imma Lama che hanno invitato gli aversani a votare “No” alla secessione affinché il Rione Bagno continui ad essere aversano. Insomma, a quanto pare, tra Aversa e Cesa si preannunzia una settimana di campagna elettorale con “fuochi pirotecnici”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico