Sant’Arpino

Calcio, il sindaco Di Santo si congratula con l’Asd Città di Sant’Arpino

Eugenio Di SantoSANT’ARPINO. In seguito al grande successo conquistato dalla Asd Città di Sant’Arpino Calcio e, in particolare, dopo che la squadra si è aggiudicata di diritto il secondo posto in classifica, …

… conquistando la certezza di giocare i playoff tra le mura amiche, il sindaco Eugenio Di Santo si congratula per l’ambizioso obiettivo raggiunto.

“E’ stata una grandissima soddisfazione – dichiara entusiasta il primo cittadino – poter tifare per i nostri campioni, soffrire insieme a loro e, alla fine, vedere ricompensati tutti gli sforzi e i sacrifici fatti. Il secondo posto è il giusto premio per una squadra molto giovane, che ha lottato con le unghie e con i denti durante tutto l’arco della stagione conquistando il meritato successo. I miei complimenti vanno, ovviamente, al presidente Giuseppe Angelino per aver saputo supportare l’intero staff fin dall’inizio di questa splendida avventura. Complimenti a Emiliano Salatiello, il cui talento avevo già avuto modo di conoscere ed apprezzare circa cinque anni fa quando giocava come centrocampista nella squadra di Gricignano, qualità e competenze che ha saputo confermare con rigore e professionalità anche nel ruolo di allenatore. Estendo il mio plauso al direttore sportivo Tullio Cavuoti, allo staff tecnico e a tutti i componenti della squadra per l’impegno e la passione che hanno dimostrato fin dal primo incontro e per l’abnegazione e i sacrifici affrontati. Se si arriva secondi in un campionato difficile come quello di Promozione – continua – è grazie ad un grande presidente, una grande società, un grande allenatore e ovviamente alle qualità e alle motivazioni di tutti i giocatori. Il Santarpino Calcio è una società umile che ha guardato avanti senza fare rumore né proclami, ed è riuscita a fare fatti e non parole. Ci tengo sempre a sottolineare che il calcio è anche qualcos’altro che la ricerca della vittoria a tutti i costi. E’ frutto della voglia di stare insieme, di lottare e soffrire per il raggiungimento di un obiettivo comune contribuendo ad alimentare la solidarietà e il rispetto reciproco. Perché lo sport, oltre ad una funzione ludica, svolge anche un’importante funzione culturale che permette una migliore conoscenza delle persone e del territorio e di riscoprire tanti importanti ideali e valori. Il mio auspicio, dunque – conclude Di Santo – è che la passione per il calcio tenga in vita la nostra squadra facendo battere il cuore ai giocatori e ai loro sostenitori ancora per molto tempo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico