Santa Maria C. V. - San Tammaro

Stellato si presenta agli elettori

 SANTA MARIA CV. Si è svolta venerdì pomeriggio, presso la sede del Partito Democratico in via Roberto D’Angiò, la presentazione alla stampa della candidatura dell’avvocato Giuseppe Stellato a sindaco del Comune di Santa Maria Capua Vetere.

A sostegno del penalista ci saranno l’Italia dei Valori, la Sel, i Socialisti, il Partito Democratico, la lista dei Giovani Democratici e lista civica ‘Uniti con Stellato’. In via di composizione anche un’altra lista civica che batterà temi quale l’acqua pubblica ed il nucleare. Gli esponenti dei Verdi e gli ex Comunisti Italiani confluiranno nelle varie liste a sostegno del candidato sindaco.

“Dopo ragionamenti e valutazioni interne – spiega il candidato sindaco Giuseppe Stellato – è stata raggiunta una sintesi intorno al mio nome. Si tratta di una scelta generata dal territorio e non imposta da altri. Quella che andremo ad affrontare sarà una battaglia sentita, forte ma sono convinto che sarà vincente. Abbiamo costruito e stiamo costruendo un percorso in autonomia e nell’ambito di una filiera istituzionale non di governo; anche perchè se si tratta di una filiera (quella di Governo appunto) che non fa altro che penalizzare il Mezzogiorno come questa, allora preferiamo farne a meno. La priorità è recuperare la fiducia dei cittadini la cui volontà popolare è stata tradita. Poi ragioniamo su quello di cui ha bisogno la città. Santa Maria è uno dei più grandi centri di servizi in Provincia di Caserta grazie alla presenza di tribunale, università, agenzia delle entrate e una conservatoria dei registri immobiliari”.

“Per Santa Maria Capua Vetere – spiega il commissario provinciale del Partito Democratico Ciro Cacciola – mettiamo a disposizione una delle risorse migliori della politica locale: il nostro capogruppo in Provincia. Sarà una campagna difficile per una condizione numerica ma oggi il centrosinistra ha dalla sua la forza della coerenza rispetto alle situazioni vissute sul territorio come il ribaltone consumatosi ad opera del centrodestra nel mese di settembre. Ci presenteremo agli elettori e chiederemo loro il voto sulla base di questa coerenza di valori e chiarezza politica”.

“Combattiamo il trasformismo – dice il coordinatore provinciale della Sel Pietro Di Sarno – in politica non siamo tutti uguali. In un paese normale un candidato come Giuseppe Stellato sarebbe il favorito in una città. Se a Santa Maria non è così vuol dire che c’è una crisi culturale da parte dell’elettorato locale”.

“Santa Maria ha una cultura di centrosinistra, lo dimostra anche il fatto che alle scorse amministrative arrivarono al ballottaggio due candidati di centrosinistra, quali Giudicianni e Chirico – sono le parole del segretario provinciale dei Socialisti Mimmo Dell’Aquila – Forse lo sbaglio è stato in precedenza nella scelta del candidato. Stellato rappresenta il meglio del centrosinistra in provincia, attorno a lui bisogna costruire un progetto politico forte”.

“Su un punto – conclude il Deputato Stefano Graziano – il centrodestra è chiaro e continuativo: come ammazzare il Mezzogiorno. Santa Maria ha l’opportunità di ritornare ai vecchi fasti e può farlo solo con Stellato il 16 maggio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico