Orta di Atella

Lsu, Roseto: “Ci si nasconde dietro firme poco consapevoli”

Giuseppe RosetoORTA DI ATELLA. “Nascondersi dietro improbabili firme di lavoratori ricattati da oltre un decennio di precariato è un atteggiamento politicamente scorretto e umanamente deplorevole”.

Lo afferma il consigliere di opposizione del Pd-Patto per Orta, Giuseppe Roseto, alla luce della missiva a firma di Lsu in forza al Comune che lo hanno invitato a non strumentalizzare le loro vicende. “Tutto questo – continua Roseto – mi appare ancora più grave quando viene messo in essere da chi siede da oltre venti anni in consiglio comunale e nonostante ciò non trova il coraggio di esporsi in prima persona. Nonostante vesto i panni di consigliere comunale da poche settimane sono pronto a qualsivoglia discussione, su qualsiasi argomento, nelle sedi istituzionali e nelle piazze, senza nascondersi dietro comunicati ‘fasulli’ o dietro firme ‘poco consapevoli’, ma discutendo serenamente e concretamente dei tanti problemi che affliggono il nostro Comune. Da rappresentante in consiglio comunale del Partito Democratico – Patto per Orta e da uomo di sinistra difenderò sempre le ragioni dei lavoratori, gli interessi della collettività e il valore della giustizia sociale e della legalità”.

“Sento il dovere – aggiunge Roseto – ancora più di prima di chiedere all’amministrazione del comune di Orta di Atella, come già fatto dalle rappresentanze sindacali Cgil, Cisl e Uil, il reintegro della Lsu licenziata e privata ingiustamente del sussidio Inps. Chiedo inoltre, al gruppo di maggioranza, che venga affrontata in maniera seria e definitiva la questione Lsu, per trovare una soluzione percorribile che porti ai lavoratori una stabilità lavorativa ed economica, ed al Comune un risparmio finanziario concreto. A distanza, ormai, di un quindicennio è ora che l’amministrazione comunale prenda atto delle difficoltà del lavoro precario, dello stato di disagio e di incertezza lavorativa vissuta da questa categoria di lavoratori. Tante sono state le possibilità offerte negli anni dal Governo centrale e dalla Regione Campania per la stabilizzazione degli Lsu ma mai queste sono state colte come dovevano. Inoltre siamo ancora in attesa che venga portata in consiglio comunale la discussione sull’approvazione della previsione di bilancio 2011. Tenendo presente che la maggioranza ha la possibilità tecnica di approvare tale atto entro il 30 giugno 2011, è del tutto evidente la mancanza di progettualità di un’amministrazione comunale che si accinge ad approvare la programmazione economica per l’esercizio in corso a semestre ormai quasi concluso”.

“Ma l’approvazione del bilancio di previsione – si chiede Roseto – non dovrebbe regolare la vita dell’ente Comune per l’intero anno? Oppure ad Orta di Atella il bilancio è diventato semestrale? Oppure l’assessore al bilancio non è capace di presentare una proposta seria perché le casse comunali sono sommerse dai debiti? Mi auguro che quanto prima anche nel consiglio comunale di Orta di Atella si possa discutere di programmazione economica e di progettualità per il nostro territorio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico