Orta di Atella

Lsu, il Pd e Roseto attaccano l’amministrazione Brancaccio

Giuseppe RosetoORTA DI ATELLA. Il Partito Democratico di Orta di Atella, unitamente al consigliere comunale Giuseppe Roseto, esprime piena ed incondizionata solidarietà ai lavoratori del Comune di Orta di Atella ed ai Lavoratori socialmente utili, …

… riunitisi in assemblea sindacale, con vertici provinciali della Cgil, nel pomeriggio di lunedì 11 aprile. “Il disagio emerso dalla voce dei lavoratori nei confronti di un atteggiamento grave ed anti-democratico dell’amministrazione comunale, – spiega Roseto – è lo stesso di chi da tempo ormai denuncia sul nostro territorio continui episodi che poco hanno a che vedere con la politica. La ripartizione del fondo incentivante per i dipendenti del Comune non può essere occasione per applicare discriminazioni ingiuste tra i dipendenti stessi. La scelta dei criteri per l’assegnazione di tali fondi deve essere chiara ed equilibrata. In relazione a ciò è nostro auspicio che si tenga conto in primis dei meriti acquisiti sul luogo di lavoro in relazione al contributo realmente reso, piuttosto che meriti ottenuti dalle appartenenze politiche o dalle simpatie dei singoli”.

“La condizione dei lavoratori Lsu – continua Roseto – è divenuta ormai insostenibile. La stabilizzazione di tali lavoratori deve essere ad oggi un obbligo per l’amministrazione comunale. Non è possibile continuare a mantenere dentro una condizione di ricatto decine e decine di lavoratori che vivono nella precarietà da troppo tempo. Ancora più inaccettabile è quando si usa contro questi stessi lavoratori Lsu l’arma del licenziamento come rappresaglia politica e personale. Licenziare un lavoratore socialmente utile significa tecnicamente licenziare un disoccupato, significa concretamente negare ad una famiglia quel piccolo sussidio che viene concesso come sostegno ad una condizione di forte disagio economico”.

Roseto e il Pd chiedono, pertanto, come chiesto anche dalla Cgil, che venga immediatamente reintegrata la lavoratrice Lsu licenziata ingiustamente dall’amministrazione locale. “L’amministrazione comunale – conclude Roseto – deve ascoltare le istanze serie e concrete che stanno emergendo in questi giorni dai dipendenti e dagli Lsu e attraverso un confronto democratico e schietto ritrovare le giuste soluzioni che salvaguardino il bene del Comune di Orta di Atella e la dignità e gli interessi meritevoli dei lavoratori. Il Partito Democratico di Orta di Atella sarà al fianco dei dipendenti comunali, degli Lsu e di quanti vorranno alzare la propria voce per condannare e denunciare atteggiamenti incomprensibili e dannosi per l’intera collettività ortese”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico