Orta di Atella

Assemblea Lsu: “Reintegrare lavoratrice licenziata”

 ORTA DI ATELLA. Contrattazione decentrata e richiesta di reintegro della Lsu licenziata. Sono i due argomenti principali discussi l’altra sera durante l’assemblea dei dipendenti e dei lavoratori socialmente utili del Comune di Orta di Atella.

Presenti le Rsu nelle persone di G.Meta e E.Ziello (Cgil), M.Del Prete (Cisl), A.Iovinella (Uil) e i responsabili provinciali Cgil Fp e Lsu nelle persone di L.Capaccio, B.Foglia e S.Garofalo, insieme ad una folta partecipazione dei lavoratori.

CONTRATTAZIONE DECENTRATA. La Rsu ha informato l’assemblea sulle difficoltà incontrate nella contrattazione decentrata e le proposte avanzate in delegazione trattante in merito al Fondo per il miglioramento e la produttività dei servizi che di seguito si riassumono: 1. consentire al personale, escluso nel 2009, di partecipare ad una nuova selezione per il 2010 e all’assegnazione della Peo (progressione economica orizzontale di carriera); 2. distribuire il Fondo (34.500 euro) per il miglioramento e l’efficienza dei servizi secondo lo schema degli anni precedenti tenendo conto della valutazione dei responsabili di settore e dei risultati raggiunti, rendendo così partecipe tutto il personale comunale. A queste proposte l’amministrazione ha detto ‘No’ deliberando con atti di giunta comunale n.175 del 15/12/2010, n.16 del 14/02/2011 e n. 38 del 04/03/2011 di premiare con 34.500 euro 16 dipendenti su 67, senza alcun criterio, regola, norma, regolamento, contratto o legge in vigore; ma semplicemente per “disponibilità dimostrata quotidianamente nello svolgere compiti ….”. A più riprese abbiamo sollecitato la parte pubblica a rivedere quest’impostazione che porta a scelte unilaterali, l’assoluta mancanza di rispetto e non curanza dell’istituto della contrattazione decentrata. L’assemblea approva la linea adottata della Rsu, denuncia il tentativo di dividere il personale attraverso l’elargizione di soldi pubblici a piacimento e la impegna ad andare avanti affinché prevalga la legalità e il rispetto delle norme e delle regole.

PROBLEMATICHE LSU. Accanto agli annosi problemi sofferti dai lavoratori socialmente utili (quali lavoro precario, basso guadagno, assenza dello status giuridico che regoli il rapporto di lavoro e di prospettiva) se ne aggiungono altri di natura esistenziale e di dignità umana. Il caso della Lsu Elvira Brancaccio, licenziata dal Comune con perdita da marzo scorso del sussidio Inps. L’assemblea condanna l’ingiusto atto di licenziamento della lavoratrice, esprime piena solidarietà alla stessa e chiede all’amministrazione comunale di rivedere la scelta fatta e reintegrare al più presto la Lsu licenziata. L’assemblea fa inoltre notare che gli Lsu del Comune di Orta di Atella da diversi anni, con o senza integrazione salariale, assicurano molti servizi all’Ente con relativo risparmio economico del Comune per centinaia di migliaia di euro all’anno. Da anni i lavoratori socialmente utili assicurano i seguenti servizi: portierato, vigilanza notturna con orari h24, ausiliari del traffico, pulizia locali comunali, assistenza persone anziane, affissione manifesti, controllo e informazione ambientale, supporto agli uffici. E’ ora, a distanza ormai di un quindicennio, che l’amministrazione comunale prenda atto del lavoro precario, dello stato di disagio e frustrazione lavorativa vissuta dagli Lsu del Comune di Orta di Atella e invece di compiere ‘atti di licenziamento’ punti a politiche di coinvolgimento e stabilizzazione dei lavoratori come avvenuto in tanti altri Comuni della Regione Campania; già nel bilancio di previsione economica anno 2011 predisponga risorse economiche per la integrazione salariale a tutti gli Lsu”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico