Italia

Prescrizione breve, ok della Camera. Berlusconi: “Siamo compatti, altri no”

BerlusconiROMA.Dopo tre settimane di intenso dibattito, la maggioranza riesce ad approvare alla Camera il testo sul processo breve e Silvio Berlusconi rinsalda la sua maggioranza.

Le “Disposizioni in materia di spese di giustizia, danno erariale, prescrizione e durata del processo”, il provvedimento che di fatto riduce i tempi della prescrizione per gli incensurati non ancora colpiti da una sentenza di primo grado e che all’ultimo minuti ha cambiato nome grazie a un emendamento del relatore Maurizio Paniz, passa a Montecitorio con 314 voti a favore e 296 contrari su 610 votanti.

Per l’opposizione la prescrizione breve è una “amnistia mascherata”. Assai critica anche l’Anm, che promette battaglia. “È una sconfitta per lo Stato” dice il leader del sindacato delle toghe Luca Palamara. “Così si affossa definitivamente il processo” aggiunge, specificando che i magistrati faranno sentire la loro voce. “Sono convinto che difficilmente questa legge potrà reggere un vaglio di costituzionalità”, gli fa eco il segretario dell’Anm Giuseppe Cascini. Il premier invece è soddisfatto. Finalmente una legge che mette l’Italia al passo con l’Europa, avrebbe argomentato con i diversi deputati che lo hanno chiamato per informalo dell’approvazione della legge sulla cosiddetta “prescrizione breve”. La soddisfazione del capo del governo è chiaramente legata anche alla tenuta della maggioranza che in questi due giorni ha dato prova, a detta del premier, di una reale compattezza: è stata l’opposizione – ha confidato ai suoi – a fare una pessima figura. Tra l’altro – ha proseguito nel ragionamento – i voti in più che ha ottenuto la maggioranza dimostrano che quota 330 è un obiettivo concreto. Dello stesso avviso Umberto Bossi: “Questo voto ci dice che i numeri ci sono. Non arriviamo a 330? Sempre meglio di niente” ha commentato il leader della Lega, dopo il voto finale. E alla domanda sul timore di scarcerazioni per effetto della legge, il Senatùr ha aggiunto: “Sono tutti giochi di prestigio della sinistra che ha fatto questa battaglia alla morte”. “La maggioranza tiene bene sui numeri” ha poi chiarito il coordinatore del Pdl, Denis Verdini. “Non è tanto la quota 314 ma il fatto che abbiamo tenuto bene per due giorni e dimostrato coesione” osserva, ricordando anche che se a questo numero si aggiungono le assenze il numero dei voti per la maggioranza sale ancora.

PROTESTANO IDV E POPOLO VIOLA.L’opposizione ha votato con la Costituzione in mano il suo “no” al testo sulla prescrizione breve. Al momento del voto infatti, i deputati del Pd e IdV, in piedi hanno esposto il testo della Carta. A voto concluso poi i deputati dipietristi hanno innalzato dei cartelli con scritte “Rogo Thyssen, nessuna giustizia”; “Crac Parmalat, nessuna giustizia”; “Santa Rita, nessuna giustizia”. “Il governo nella coscienza degli italiani ha fatto un passo verso l’abisso – ha detto il segretario del Pd Pier Luigi Bersani -. Ora sta a noi far comprendere la vergogna di questo provvedimento che dimostra l’assoluto disprezzo verso i problemi veri del paese”. E mentre andava in scena anche l’ultimo atto per l’approvazione alla Camera , in piazza Montecitorio infuriava la protesta del popolo viola e dei familiari delle vittime di Viareggio e L’Aquila. “Così ci negate la giustizia” è stato per tutto il pomeriggio lo slogan dei manifestanti. L’onda lunga del dissenso finisce per travolgere la deputata Daniela Santanchè, che viene apostrofata dai manifestanti con parole dure ed invitata a dimettersi. Anche Bossi è stato contestato: “Venduto, venduto” gli ha gridato la folla dopo il voto in Aula.

GLI ARTICOLI 3 E 4.L’articolo 3, modificato da un emendamento del relatore Maurizio Paniz, riduce i tempi della prescrizione per gli incensurati passando da un quarto a un sesto della pena edittale. Si applica ai processi che non sono ancora giunti a sentenza di primo grado. Non riguarda i reati di grave allarme sociale: terrorismo e mafia, ad esempio. Contro questa norma hanno tuonato le opposizioni, sostenendo che è l’ennesima legge ad personam applicabile al processo Mills, in cui è imputato il premier Silvio Berlusconi. In Aula passa anche l’articolo l’articolo 4, quello sulla “durata ragionevole del processo” e sull'”obbligo di segnalazione” L’articolo, anche questo riformulato dal relatore Paniz, prevede che il capo dell’ufficio giudiziario segnalerà al ministro della Giustizia e al Csm le toghe che “sforano” i tempi del processo stabiliti dalla legge: tre anni in primo grado, due anni in appello, e un anno e 6 mesi in Cassazione, per quanto riguarda i reati con la pena massima di 10 anni.

SCRUTINIO SEGRETO.In Aula la maggioranza ha superato anche la prova del voto segreto chiesto e concesso su un emendamento dell’Idv, ottenendo 316 preferenze, e dunque sei voti in più rispetto alla quota massima di 310 ottenuta durante le votazioni a scrutinio palese. Il capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto ha parlato di “opposizione ridicolizzata”. “Sui miei deputati metto non una mano sul fuoco, ma tutte e due” ha replicato Dario Franceschini, capogruppo del Pd. “Sono in sei – ha aggiunto – ad aver votato con la maggioranza. Sui deputati del Pd non ho dubbi. Chi sia stato lo si capisce, ma io non sono sleale da attribuire ad altri questo voto”.

LA PROTESTA.“Perché, per salvare un uomo solo, lasciate impuniti assassini, stragisti e violentatori?” è uno dei messaggi che il popolo viola porta in piazza a Montecitorio. Fuori dall’edificio che ospita la Camera, Daniela Santanchè è stata oggetto di aggressioni verbali “Venduta, vergogna, fai il bunga bunga”. E poi insulti pesanti con l’offerta di dieci euro corredata dalla frase “prenditi pure queste”.

ATTACCHI A FINI. Dopo la seduta notturna di martedì, polemiche e ostruzionismo hanno tenuto banco anche durante la seduta di mercoledì mattina. Il Pd, con Roberto Giachetti, ha duramente attaccato il presidente della Camera Gianfranco Fini definendolo “il peggiore presidente per l’opposizione” per via delle sue decisioni sui tempi a disposizione della minoranza. Subito dopo l’attacco di Giachetti, è intervenuto Pier Ferdinando Casini a difesa del leader di Montecitorio: “Inaccettabile”. “Giachetti ha esagerato ma il suo giudizio era rivolto su un punto specifico dei lavori dell’aula. Non si è trattato di un giudizio complessivo sulla persona e sul modo con il quale il presidente Fini sta conducendo i lavori” ha detto poi il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico