Italia

Libia, ecco la mozione della Lega

Umberto BossiMILANO.“Da una parte c’è una Lega contrariata e contraria al crescere di una partecipazione ad azioni militari. Dall’altra esiste la precisa volontà di evitare la crisi di governo”.

Questi i ‘principi ispiratori’ della mozione leghista sulla Libia, pubblicata su La Padania e annunciata venerdì in serata da Umberto Bossi. Un documento a cui hanno lavorato lo stesso Senatùr, Roberto Maroni, Roberto Calderoli, Giancarlo Giorgetti e che “ha portato alla presentazione di una mozione”,si legge sul quotidiano leghista, in sei punti. “Mozione che porrà fine alle ostilità”, come ha sottolineato lo stesso Bossi.

La Lega pone dunque sei paletti per trovare una quadra sulla Libia e in particolare chiede che venga indicata una data entro la quale ci sia lo stop di ogni azione militare. “Il primo punto chiave della mozione – si spiega su La Padania – riguarda la guerra a Gheddafi: non ci sia un escalation che porti ad azioni di guerra”.

Il secondo punto: “Occorre intraprendere una intensa azione diplomatica perché purtroppo le bombe non sono mai intelligenti”. Per questo, e siamo al punto focale della mozione, vien proposto – scrive sempre La Padania – di “fissare un termine entro il quale far cessare qualsiavoglia azione militare. Termine rigorisissimo, da comunicare immediatamente al Parlamento”.

Il Carroccio chiede inoltre che “non avvenga un inasprimento della pressione tributaria per finanziare le nostre missioni”. Ultima, “ma di assoluta importanza, la richiesta di promuovere un concorso reale tra tutti i paesi alleati sui temi scottanti delle ondate migratorie”. Tema ancora più caldo dopo la bocciatura della Corte di Giustizia europea del reato di immigrazione clandestina.

Roberto Calderoli rivolge “un appello” a tutte le forze, di maggioranza e di opposizione, perché votino la mozione della Lega. “È la più equilibrata e completa e dovrebbero votarla tutti, non soltanto gli alleati di maggioranza ma anche le forze di opposizione che, diversamente, negherebbero i valori della sinistra storica”, afferma il ministro della Semplificazione. “La nostra mozione parla di pace, di diritti civili, di stabilità, di fine dei bombardamenti, di diplomazia, e non a caso nelle ultime ore Gheddafi ha proposto un cessate il fuoco, e dice no ad azioni militari di terra, ad aumenti di tasse e a esodi di massa”, conclude l’esponente leghista.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico