Caserta

Vendola: “Marino è una speranza per Caserta”

Vendola e MarinoCASERTA. “In questa campagna elettorale a Caserta bisogna capire qual è la posta in gioco: qui Carlo Marino deve essere il sindaco dei bambini, degli anziani, dei disabili e per farlo occorre ridisegnare la città.

Abbiamo iniziato questo percorso a Caserta mesi fa con le Primarie, a cui io credo molto perché cedono il potere dalla nomenclatura al popolo. Grazie a quell’esperienza noi siamo qui, pronti a guidare la città e farla tornare a respirare”. Così il leader di Sinistra Ecologia e Libertà, Nichi Vendola, si è rivolto al popolo del centrosinistra in piazza Vanvitelli per la manifestazione a sostegno del candidato sindaco Marino.

Il centrosinistra ha vinto la sfida della piazza: oltre mille persone sono accorse ad ascoltare Vendola, che ha tuonato contro il berlusconismo, passandone in rassegna le principali criticità, dalla scuola alla povertà di un modello culturale fondato sul controllo dei media. Sul palco con Marino il segretario regionale di Sel, Arturo Scotto e il segretario provinciale Pietro Di Sarno, oltre ai dirigenti del partito.0

“Grazie a Sel – ha rilanciato Marino – oggi possiamo essere qui a discutere di welfare e lavoro, cogliamo i frutti di un lavoro cominciato dal percorso convinto delle Primarie, ora possiamo concretizzare con la vittoria la nostra voglia di cambiamento, il cammino nuovo messo in campo”.

A Marino Vendola ha riservato anche il messaggio finale: “La regola numero 1 – ha detto – è di non smarrire mai la mitezza che è nella tua storia e sul tuo volto e poi continua sempre a parlare dei bisogni di Caserta: quando vi insulteranno, quando tireranno fuori i quattrini, quando compreranno i voti, tu tira dritto e continua a parlare di come garantire ai nostri giovani di restare qui lavorando onestamente. Il tuo compito è riconoscere i volti, non solo i voti, cioè vedere le persone come ricchezza. Dobbiamo vincere con la nostra eleganza, con la nostra cultura, con una proposta di speranza per il futuro di Caserta”.


You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico