Caserta

Pasqua, “tour” di Del Gaudio in città

 CASERTA. E’ stato un sabato diverso per il candidato sindaco al Comune di Caserta per la coalizione di Caserta, Pio Del Gaudio che dopo aver incontrato i candidati delle undici di liste che lo sostengono e i giornalisti presso il comitato elettorale di via G.M. Bosco, …

… ha attraversato diverse strade del centro di Caserta incontrando cittadini e commercianti. In particolare, ha tranquillizzato gli esercenti di corso Trieste, ai quali ha ribadito che “da sindaco sarà rivisitata l’isola pedonale per restituire il centro urbano ai Casertani”.

“Gli auguri di Buona Pasqua – dichiara Del Gaudio – li faccio a noi tutti e alla nostra città tenendo fuori dalla campagna elettorale, a differenza degli altri due miei principali competitor, la Chiesa Locale e il vescovo Farina a cui va naturalmente la mia stima per il suo ruolo impagabile di Pastore della nostra Diocesi. Purtroppo anche in queste occasioni la ‘sinistra riciclata’ e il ‘centrodestra di comodo’ rivelano il loro vero volto e rinnovano la loro abitudine a strumentalizzare tutto e tutti. Il ritornello degli ex di Petteruti continua ad essere stancamente l’unico argomento di chi più che proporre mira a distruggere, di chi ha sulle proprie spalle tutta la responsabilità dello sfascio di questa città. Tanto che, – continua – non ha il coraggio nemmeno di usare i simboli dei partiti che lo sostengono, quelli ossia che con Petteruti e il centrosinistra hanno ridotto Caserta nello stato comatoso in cui è. Marino afferma che la sinistra ha governato male Caserta: finalmente ci è arrivato anche lui, e siccome lui è il ‘campione della sinistra locale’, non vedo perché i Casertani dovrebbero credere che la sua ‘sinistra riciclata’ possa fare di meglio. Riguardo poi l’adozione di un ‘codice etico che garantisca ogni forma di trasformismo’ vuol forse dire che Marino si autosospende dalla compagna elettorale? Già perché chi è passato con tanta disinvoltura dal centrodestra al centrosinistra come lui può essere definito un vero transformer, insomma un candidato per tutte le stagioni già in maniche di camicia perché cosi fa prima a cambiare colori e giacchetta. A Caserta lo ricordano tutti, del resto, sui manifesti con il simbolo a caratteri cubitali di Forza Italia. Per quanto riguarda il leader del ‘centrodestra di comodo’, anche di lui i casertani si ricordano bene quando solo un mese fa elogiava il Pdl, i suoi leader e il suoi valori salvo poi a cambiare bandiera e slogan e ‘amici’ perché il ‘suo partito’ non ha scelto lui. La verità è che Caserta di questa gente è stufa e saprà come cambiare. Vinceremo al primo turno, loro lo sanno e incominciano davvero ad avere paura. Perciò, – conclude Del Gaudio – è utile concentrare gli sforzi e votare subito il mio progetto politico. Sono già al lavoro per cambiare Caserta, grazie a voi possiamo farlo subito, perché un’altra Caserta è possibile”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico