Caserta

Disabili vincitori di concorso, l’impegno di Del Gaudio

Pio Del GaudioCASERTA. “Da sindaco mi impegnerò a sbloccare la situazione legata i diciannove disabili, vincitori del concorso del Comune di Caserta e da sempre ignorati dal centrosinistra”.

Lo ha detto Pio Del Gaudio, candidato sindaco per la coalizione di centrodestra, incontrando in mattinata presso il comitato elettorale di via G.M. Bosco, una delegazione di disabili che, nel 2009, ha partecipato e vinto una selezione pubblica per personale disabile. “Condanno categoricamente l’atteggiamento assunto dall’ex amministrazione comunale – dichiara Del Gaudio – che, dopo aver bandito ed espletato il concorso, non ha mantenuto le promesse, nonostante l’ex sindaco avesse provveduto a firmare, nel novembre 2010, una determina per l’assunzione dei disabili entro e non oltre il 31 dicembre 2010. Per questo, senza se e senza ma, mi impegno e con me tutta la coalizione, a prendere a cuore la vicenda, garantendo la tutela dei diritti dei disabili e di tutte le categorie protette”.

Prendendo spunto dalla vicenda dei 19 disabili, durante l’incontro Del Gaudio ha affrontato tutte le tematiche, che riguardano le categorie protette, mettendo in evidenza le iniziative che ha intenzione di intraprendere da sindaco. “Approveremo, inoltre, – ha continuato il candidato sindaco per il centrodestra – una delibera di consiglio comunale in ratifica della Convenzione Onu che impegni, in maniera forte e decisa, l’aministrazione comunale affinchè adotti procedure, atti, prassi, condivise con le associazioni dei disabili, tali da concretizzare azioni inclusive serie ed efficaci, secondo il principio del ‘niente su di noi senza di noi’; implementeremo capitoli di spesa delle politiche sociali e mainstreaming. Nel particolare, trasferiremo risorse adeguate che permettano di poter affrontare anche pochi, ma in maniera seria ed adeguata, specifici obiettivi condivisi, nonché creare capitoli di bilancio specifici sulla disabilità nell’ambito di macroaree come: trasporti, lavori pubblici, commercio, cultura. Promuoveremo iniziative che favoriscano il ‘dopo di noi’, con iniziative che favoriscano la vita indipendente e autonoma dalla famiglia, in residenze individuali o collettive (tipo casa albergo o casa famiglia); promuoveremo la mobilità cittadina con automezzi accessibili. Ma non solo, accenderemo i riflettori le iniziative che diano slancio al un turismo ‘inclusivo’ e non discriminante, in particolare alla Reggia, al Belvedere e al borgo di Casertavecchia; limitaremo la concessione delle licenze commerciali solo agli operatori che rispettino i parametri dell’accessibilità; proporremo progetti di servizio civile in numero adeguato alle esigenze dei cittadini disabili; revisioneremo il piano parcheggi, con riprogrammazione degli spazi ‘gialli’ riservati; prevedere per tutti i progetti di sviluppo locale un consulente disabile e potenziaremo le strutture semi-residenziali diurne per persone con disabilità intellettiva”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico