Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Castel Morrone, Di Lorenzo sfida Riello ad un pubblico confronto

Andrea Di LorenzoCASTEL MORRONE. In vista delle elezioni comunali, Andrea Di Lorenzo invita il suo contendente Pietro Riello ad un pubblico confronto.

Ecco le sue parole: “Quale candidato sindaco alle elezioni comunali del 15 e 16 maggio 2011 per la lista ‘Unione Civica per Castel Morrone’ desidererei, nell’ambito della campagna elettorale, avere con Lei un confronto pubblico sui temi di interesse del paese. In particolare sarebbe, a mio parere, utile ed interessante per i Morronesi confrontarci, nella qualità di candidati sindaci dei rispettivi schieramenti, sui seguenti temi: tariffe Tarsu, privatizzazione servizi cimiteriali, stato di abbandono di Monte Castello, realizzando teatro comunale, stato di dissesto delle strade cittadine, parco eolico, delocalizzazione area Pip, piano urbanistico comunale, appartamenti giovani coppie, piano per l’edilizia economica e popolare, ecc.

L’opportunità di un pubblico confronto tra i candidati sindaci nasce non solo dalla necessità di informare e mettere i cittadini in condizioni di valutare le proposte dei due schieramenti in campo ma anche dall’esigenza di evitare la disinformazione e la confusione legata alle esigenze propagandistiche del momento, come emerge già dalle prime battute della campagna elettorale. In particolare leggendo il comunicato stampa n. 1/2011, da Lei diramato sugli organi di stampa locale in data 13/04/2011, mi sono reso conto che le spiegazioni da Lei fornite in tema di Tarsu appaiono inconsistenti o addirittura contrarie alla tesi che si vuole sostenere.

Da cittadino, infatti, mi chiedo per quale motivo, a fronte, come da lei indicato, di una differenza del 25% ( 29 euro a tonnellata) tra i costi di smaltimento tra le province di Caserta e di Benevento si registra poi una differenza di ben il 300% tra le tariffe pagate dai Morronesi rispetto a quelle pagate dai Limatolesi? Visto poi che l’argomento sta, come lei dice, ‘suscitando l’ilarità e le più esilaranti battute da parte dei cittadini’ avrà l’opportunità di far fare qualche risata anche a me ed ai molti Morronesi, che avendo probabilmente capito male stanno piangendo… dalla rabbia.

Avremo occasione anche di chiarire pubblicamente il significato e la rilevanza per i Morronesi della espressione “esperto in costituzione di cooperative”, artatamente riportata nel comunicato stampa per evidenti ragioni diffamatorie nei miei riguardi.

Le annuncio fin d’ora che per una elementare questione di sobrietà e attinenza alle circostanze, mai avrò l’insipienza di definirla ‘esperto in cliniche private’. Potremo, infine, mettere a confronto le nostre rispettive competenze in materia di gestione amministrativa. Sono certo che troverà di Suo interesse la presente proposta ed in attesa di un Suo cortese riscontro Le porgo distinti saluti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico