Succivo

Degrado nel “comparto B”: residenti invocano intervento del sindaco

 SUCCIVO. Un gruppo di cittadini di Succivo hanno inviato al sindaco e alla prefettura di Caserta una denuncia, supportata da una raccolta firme, sul degrado in cui versa il “comparto B” della cittadina atellana.

Parliamo della zona che comprende via Bencivenga, via Terranova, via Costa e via Falcone, dove vi sono una discarica abusiva di rifiuti tossici, branchi di cani randagi, oltre all’assenza di illuminazione pubblica e di infrastrutture previste da lottizzazione. “La zona – spiegano i residenti – alla fine di via P.Bencivenga, e tutto il perimetro di via Dalla Chiesa, è da tempo diventata una discarica abusiva di materiali di vario genere, alcuni dei quali altamente tossici (quali pneumatici, bidoni di vernice e collanti, tettoie di eternit, carcasse di frigoriferi etc). I rifiuti, ormai con sempre maggiore frequenza (anche quotidianamente) vengono incendiati in maniera dolosa da ingoti in piena notte, provocando colonne di fumo nero ed esalazioni maleodoranti che invadono tutta la zona circostante densamente popolata, provocando agli abitanti della stessa difficoltà respiratoria e fenomeni di lacrimazione”.

“In tutta la zona – continuano – vi è una massiccia presenza di cani randagi anche di grossa taglia i quali spesso , riuniti in branco, attaccano bambini e abitanti rincorrendoli e tentando di aggredirli. Inoltre, non è ancora stata attivata l’illuminazione pubblica nonostante la stessa sia abitata già da tempo da tante famiglie che sono costrette a vivere in condizioni di sicurezza estremamente carenti non certo migliorate dall’abbandono istituzionale che abdica a qualunque dovere”. Poi le strade: “La viabilità della zona è ancora non ultimata con strade sterrate e marciapiedi rotti che risultano estremamente pericolosi per i passanti che devono fare i conti con buche e anomali avvallamenti dove spesso i più deboli, come bambini e anziani, cadono o inciampano”.

Da qui la richiesta al sindaco e all’amministrazione comunale di intervenire con celerità al fine di eliminare gli evidenti pericoli per la salute e l’incolumità pubblica che attanagliano il quartiere.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico