Sant’Arpino

Indetta la prima Olimpiade Atellana

 SANT’ARPINO. Con delibera numero 42 dell’11 marzo scorso, su proposta del primo cittadino Eugenio Di Santo, è stata indetta la prima Olimpiade Atellana che si svolgerà nel periodo che va da maggio a settembre.

Ad ospitare gli atleti, che si contenderanno la vittoria nelle rispettive discipline, il campo sportivo “Ludi Atellani” completamente rinnovato e che, nella sua nuova veste, sarà inaugurato entro la fine di aprile. “Fin dall’insediamento – dichiarano il sindaco Eugenio Di Santo e il consigliere delegato allo sport Domenico Cammisa – abbiamo sostenuto con grande entusiasmo tutti i fenomeni sportivi locali proponendoci di garantire infrastrutture adeguate ai loro bisogni e in grado di sostenere i loro sacrifici e le loro passioni. Questo perché attraverso lo sport è possibile arricchire la nostra esistenza e migliorare il nostro benessere, superare differenze culturali e sociali combattendo, allo stesso tempo, diverse forme di discriminazione. Lo sport unisce, fa sentire le persone parte di un tutto e le olimpiadi, con la loro forza di attrazione e comunanza, ne sono un esempio chiaro e concreto. I lavori, che hanno interessato l’impianto sportivo ‘Ludi Atellani’ e che sono stati portati a termine il mese scorso, si inseriscono proprio in quest’ottica ottica e vogliono rappresentare una risposta permanente e non occasionale nei confronti dei tanti sportivi del paese e dei comuni dell’area atellana. Dopo decenni in cui era stato relegato ad una funzione periferica – continuano – questi lavori hanno consentito di riportare il campo comunale al suo antico splendore e alla sua funzione originaria. Sono stati, infatti, realizzati un campo polifunzionale (calcetto, basket, pallavolo e palla a mano), un campo da tennis e uno da calciotto che saranno solo alcune delle discipline previste dall’olimpiade. Sono stati, inoltre, rimessi a nuovo tutti gli spalti. Il campo di calciotto, in particolare, è stato sistemato con nuovo impianto luci, aiuole e gradinate laterali. E’ stata, infine, inserita l’erbetta sintetica sul terreno di gioco. Un particolare, quest’ultimo, che rende unico il nostro impianto e fa sì che possa ospitare competizioni di particolare rilievo come quella che sarà la prima olimpiade dell’intero territorio atellano che coinvolgerà tutti i paesi viciniori. A breve saranno affissi manifesti e sarà comunicato a tutte le associazioni dell’area atellana – concludono Di Santo e Cammisa – che possono partecipare e contribuire all’organizzazione di questo grande evento sportivo. La collaborazione, che siamo certi sarà molto consistente, rappresenterà la dimostrazione di come la cooperazione nel mondo dell’associazionismo possa dare vita, in tutti i campi, ad iniziative edificanti per la comunità intera”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico