Caserta

San Leucio, nasce il museo del Real Belvedere

Belvedere di San LeucioCASERTA. Nasce a Caserta il Museo del Real Belvedere di San Leucio. Il Commissario Straordinario del Comune di Caserta Piero Mattei ha, infatti, firmato la delibera che istituisce il museo e approva il relativo regolamento.

Il Museo del Real Belvedere di San Leucio ha sede nel Complesso Monumentale Belvedere di San Leucio e, come definito dall’articolo 2 del Regolamento, è suddiviso nelle sottodescritte sezioni: Settore della seta e dell’archeologia industriale, compresa la “Casa del Tessitore”; Settore dei “Borbone”, ossia l’Appartamento Storico; Settore dell’Edificio, ossia il Museo dell’Opera; Giardini; Settore Restauro del Tessuto; Settore Didattica con attività di formazione operai; Area Marketing, per la commercializzazione della seta; Sale per attività espositive.

Del Museo sono inoltre strumenti ed attività integranti: la biblioteca e l’archivio storico-documentale e fotografico, per costituire idonei mezzi di studio e di conoscenza nel campo dell’archeologia industriale e della storia dei Borbone, con particolare riferimento ai monumenti ed alla storia della città e della regione; le mostre e le manifestazioni organizzate dal Museo, a scopo culturale, didattico, turistico; l’attività didattica per alunni di scuole di ogni ordine e grado; l’attività di promozione, valorizzazione e commercializzazione del prodotto seta, anche in collaborazione con la Sezione Tessili di Confindustria di Caserta; la creazione di un’attività di sinergia con le altre realtà borboniche di interesse turistico-culturale, quali la Reggia, l’Acquedotto Carolino e la Reggia di Carditello.

“L’istituzione del Museo del Real Belvedere di San Leucio – ha spiegato il Commissario Mattei – rientra nel progetto di valorizzazione e promozione turistica dei beni monumentali della città di Caserta. L’obiettivo successivo sarà quello di acquisire dalla Giunta Regionale della Campania lo status di museo di interesse regionale, attribuzione necessaria anche per ottenere l’accesso ai finanziamenti regionali di settore”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico