Campania

Napoli, torna emergenza rifiuti: 1600 tonnellate in strada

 NAPOLI.“Durante la scorsa settimana non siamo riusciti a conferire la quantità di rifiuti che la città produce quotidianamente”.

È quanto sottolinea all’Ansa l’assessore all’Igiene del Comune di Napoli, Paolo Giacomelli, che avverte: “I cumuli crescono e l’imminente arrivo di temperature più elevate che potrebbero determinare effetti sul profilo igienico-sanitario e causare disagi ancora più gravi ai cittadini”.

Domenica sono state conferite 832 tonnellate: 402 nello Stir di Giugliano in Campania, 223 nell’impianto di Caivano, che ha riaperto solo per la giornata di domenica, e lunedì risulta nuovamente chiuso, e 49 tonnellate nello Stir di Tufino. Nella discarica di Chiaiano, invece, sono state conferite 158 tonnellate, circa un centinaio in più rispetto a quanto disposto a fronte delle operazioni di verifica per il collaudo degli argini, disposte dalla Sapna. Provvedimenti già calendarizzati, ribadisce il direttore tecnico dell’azienda, Giovanni Perillo, “che procedono e che, nei prossimi giorni, dovrebbero concludersi”.

Nell’ultimo fine settimana,infatti, l’Ufficio flussi della Regione Campania ha autorizzato sversamenti quotidiani per 150 tonnellate. “Credo che non si tratti di andare in giro con il bilancino a pesare le tonnellate di spazzatura – spiega Giacomelli – ma rimane alta la preoccupazione anche per questa settimana, perchè la città potrebbe non conferire tutta la produzione giornaliera con un conseguente aumento delle quantità di rifiuti giacenti in strada, che oggi ammontano a circa 1600 tonnellate”. “Deve essere comunque chiaro – conclude l’assessore – che, con le nuove normative sul ciclo integrato dei rifiuti, ai Comuni è stata tolta ogni responsabilità sui conferimenti dell’immondizia”.

Lunedì verrà presentato il nuovo piano in Regione dal governatore Stefano Caldoro e l’assessore all’Ambiente Giovanni Romano.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico