Aversa

Il Comune vince al Tar contro una ditta che chiedeva 4 milioni di euro

 AVERSA. Si è concluso con una vittoria del Comune di Aversa il giudizio promosso al Tar Campania dalla società Tecnocostruzioni, già Zecchina Costruzione, relativo all’appalto di sistemazione emissario misto Alveo Lo Spierto.

“Questa vittoria giudiziaria – ha detto il sindaco Ciaramella – è fondamentale per il Comune di Aversa. In caso di perdita, infatti, saremmo stati condannati a pagare 4 milioni di euro più gli interessi maturati dal 1992. Questo giudizio, per il quale il Comune di Aversa è stato difeso dall’avvocato Giuseppe Nerone, rappresentava una spada di Damocle. Da un momento all’altro, infatti, saremmo potuti stati essere condannati ad un risarcimento plurimilionario pur non avendo alcuna responsabilità in quanto i fatti risalgono ad una precedente amministrazione comunale, ovvero quella del 1992”.

Questi i fatti. Nel 1991 il Comune di Aversa ha indetto una gara d’appalto per l’aggiudicazione dei lavori di sistemazione dell’emissario delle acque dei Comuni di Aversa, Parete, Trentola Ducenta, Lusciano e Frignano. Nel corso della procedura veniva giudicata anormalmente bassa l’offerta dell’associazione temporanea d’imprese condotta dalla capogruppo Zecchina Costruzioni spa e mandante ingegner Della Gatta che aveva presentato un ribasso del 14,38% sull’importo complessivo posto a base di gara, con la conseguente esclusione dalla selezione concorsuale. La Zecchina, quindi, insorgeva con ricorso presso il Tar che condivideva le censure della parte ricorrente. Tale sentenza veniva confermata in appello dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato nel 2003. La Zecchina chiedeva, oltre al danno emergente corrispondente ai costi sostenuti per la partecipazione alla gara, il lucro cessante derivante dalla mancata esecuzione dell’appalto, i danni non patrimoniali derivanti dal pregiudizio curriculare e al danno all’immagine per un importo di circa 4 milioni di euro più interessi maturati da diciannove anni a questa parte.

“La difesa dell’Ente – ha detto l’assessore al contenzioso Luciano Luciano – ha eccepito l’intervenuta prescrizione del credito azionato in giudizio. Il Tar ha accolto tale tesi mettendo la parola fine ad un giudizio che si protraeva da circa venti anni e che, in caso di condanna, avrebbe creato seri problemi, dal punto di vista economico-finanziario, all’Ente Comune”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico