San Felice a Cancello - Santa Maria a Vico - Arienzo - Cervino

Furto di energia elettrica e rifiuti: nei guai due fratelli

 S.MARIA A VICO. I carabinieri della stazione di Santa Maria a Vico hanno eseguito un controllo in via Limite, a San Felice a Cancello, in collaborazione con il nucleo operativo ecologico di Caserta e con i tecnici dell’Enel.

I militari hanno controllato un terreno e un’abitazione facenti capo ai fratelli I., atteso che sul terreno si potevano ben vedere dalla strada dei rifiuti pericolosi sparsi sul suolo. Al termine delle attività, uno dei fratelli, di 55 anni, commerciante di San Felice a Cancello, è stato tratto in arresto per furto di energia elettrica; inoltre lo stesso arrestato ed il fratello, assente al momento del controllo, sono stati denunciati per violazioni alla normativa sullo stoccaggio e smaltimento dei rifiuti.

Durante l’ispezione dello stabile ubicato nel terreno in argomento, esattamente sul pianerottolo esterno del primo piano, è stato rinvenuto, ben occultato all’interno di una nicchia dietro un armadio, un misuratore di energia elettrica con evidenti segni di alterazione, infatti vi era un allaccio abusivo alla rete elettrica a monte del contatore. Il personale dell’Enel è stato invitato a eseguire le dovute verifiche tecniche, all’esito delle quali si è potuto verificare che sul montante del misuratore, già staccato in precedenza per morosità, era collegato un cavo abusivo che alimentava in modo fraudolento l’impianto elettrico del fabbricato, in modo tale da non permettere la registrazione e fatturazione del consumo di energia elettrica dell’intero stabile, strutturatosu benquattro appartamenti. L’uomo, trovato sulla località del controllo e risultato responsabile del terreno e dello  stabile, è stato dichiarato in arresto e trattenuto ai domiciliari a casa propria, in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il tribunale di Marcianise.

Successivamente il controllo è stato esteso al lotto di terreno agricolo, ove insisteva anche un allevamento di pollame. Sull’intera area erano depositati, direttamente sparsi sul nudo terreno ed in modo incontrollato, vari rifiuti pericolosi come pneumatici fuori uso, rottami di ferro, traversine ferroviarie, imballaggi in plastica, filtri olio motore, barattoli di vernici, bidoni con oli esausti, parti di autoveicoli e di motori, carcasse di animali, rifiuti ingombranti, vecchi televisori, ecc..

L’intera area è stata posta sotto sequestro e I.è stato denunciato anche per il reato di gestione illecita ed incontrollata di rifiuti ingombranti e speciali nella fase di stoccaggio e smaltimento, unitamente al fratello, assente al momento del controllo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico