Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

Festival dell’Archeologia

Museo CivicoMONDRAGONE. Nella giornata di martedì 22 febbraio presso il Museo Civico Archeologico “Biagio Greco” l’assessore delegato Pasquale Sorvillo, unitamente al consigliere comunale Fabio Gallo, …

… ha incontrato il Direttore del Museo Civico Luigi Crimaco, l’Ispettrice della Soprintendenza archeologica Ruggi d’Aragona, il professore Marcello Piperno (Università La Sapienza di Roma) e il professore Carlo Rescigno (Seconda Università di Napoli). L’incontro ha inteso fare il punto dei risultati ad oggi conseguiti dalla struttura museale ma soprattutto definire un percorso condiviso per gli obiettivi del 2011 come anche per gli obiettivi di più vasto orizzonte, in vista anche di una possibile delocalizzazione del Museo Civico presso il Palazzo Tarcagnota o il Palazzo Ducale.

“Il Museo Civico è una struttura complessa – commenta l’assessore al museo Pasquale Sorvillo – dove è importante sapere coniugare le esigenze dell’archeologia, gli indirizzi della politica e le procedure amministrative. Dopo molto tempo abbiamo riunito intorno allo stesso tavolo la Soprintendenza archeologica e i capi delle missione archeologiche finanziate e sostenute dall’Ente. Si è trattato di un momento particolarmente importante per la vita del Museo perché si è fatto il punto non solo del tanto lavoro fino ad oggi svolto, ma soprattutto si è condiviso un percorso per gli obiettivi di immediata realizzazione nell’anno 2011 e di obiettivi di più ampio respiro per gli anni futuri. Avere allo stesso tavolo professori universitari come Piperno e Rescigno e l’ispettrice di Soprintendenza Ruggi d’Aragona è segno tangibile della grande maturità scientifica che ha raggiunto il nostro Museo, diretto in modo mirabile dal dottor Luigi Crimaco. Era assente per impegni universitari la professoressa Francesca Sogliani, ma che ha già fornito il suo contributo di idee sugli obiettivi 2011. Tra questi abbiamo condiviso quello di creare una sorta di Festival dell’Archeologia che inizierebbe con l’evento Calici di Stelle il dieci agosto e proseguirebbe fino a metà ottobre. In questo periodo, oltre a svolgersi i tradizionali scavi archeologici iniziati nel 2001, si terrebbero incontri pubblici, lezioni di archeologia, dibattiti e visite guidate agli scavi. Vogliamo, in sintesi, aprire il Museo Civico alla Città e trasformalo in un sorta di laboratorio aperto dove specialisti e semplici appassionati possano darsi appuntamento e vivere in prima persona la straordinaria avventura l’archeologia. In questi mesi il Museo dovrebbe diventare una sorta di piazza pubblica ricca di avvenimenti e di incontri, consentendo alla Città e ai tanti turisti di avvicinarsi ancor di più alla scoperta della storia del nostro territorio. Ovviamente in questo periodo renderemo fruibili, come fatto già nel 2010, i siti di scavo predisponendo l’organizzazione necessaria per le visite guidate. Mi auguro ed auspico di potenziare sia potenziare la ricerca archeologica ma soprattutto di avvicinarla alla gente comune”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico