Maddaloni - Valle di Maddaloni

Polizia locale, Sammarco auspica assunzioni per i giovani

Osvaldo SammarcoMADDALONI. Osvaldo Sammarco, dirigente del Club della Libertà, auspica una possibile occupazione per i giovani maddalonesi attraverso le assunzioni nella polizia locale.

“Il complesso delle mansioni, dei compiti e dei servizi da espletare è talmente vasto che si può affermare che non vi sia settore dell’attività comunale che non richieda la partecipazione e l’intervento della Polizia Municipale. Per svolgere questi compiti il servizio della Polizia Locale presuppone un’organizzazione apposita e funzionale, con un costante servizio operativo e di vigilanza sulla collettività, che garantisca il rispetto dei beni e l’osservanza delle regole di convivenza, siano esse contenute in regolamenti, leggi e ordinanze del sindaco. I servizi svolti dagli operatori della Polizia Locale sono molteplici, incominciando dai servizi d’istituto, la cui finalità principale è la tutela della sicurezza, dell’ordine e del decoro cittadino, prestare opera di soccorso in occasione di pubblici o privati infortuni, svolgere attività di prevenzione prevista dalla Polizia di sicurezza ed amministrativa, con particolare riguardo alle norme concernenti la polizia locale, urbana e rurale, l’igiene, l’edilizia e il commercio. E con il pacchetto sicurezza la figura del Vigile si è ampliata, svolgendo una funzione fondamentale in tema di sicurezza urbana. Intanto, la legge Regionale n. 12 del 2003, prevede, in una realtà locale come quella di Maddaloni, un vigile ogni 600 abitanti”.

“Dato che, per motivi diversi, – continua Sammarco – carrierismo, quiescenza e cambio mansioni, l’attuale organico è stato dimezzato e che continua il lavoro con alto livello di professionalità, alle cui funzioni sono correlati rischi e disagi, a tal proposito sembrerebbe opportuno l’applicazione della Legge di stabilità anno 2011, art.1, comma 118 come viene così commentato dall’Anci (Associazione azionale Comuni Italiani), l’anzidetta legge ha apportato modifiche al regime delle assunzioni a tempo determinato negli Enti locali recato dal comma 7 dell’art. 76 del DL n. 112/2008, convertito dalla legge n. 133/2008:come noto, tale disposizione, come sostituita dall’art.14, c. 9 del DL n. 78/2010 prevede un divieto per gli Enti nei quali l’incidenza delle spese di personale è pari o superiore al 40% delle spese correnti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale; i restanti Enti (sottoposti al patto di stabilità) possono procedere ad assunzioni di personale nel limite del 20% della spesa corrispondente alle cessazioni dell’anno precedente. Per effetto dell’integrazione operata dal comma 118 dell’articolo unico della legge di stabilità, per gli enti nei quali l’incidenza delle spese di personale è pari o inferiore al 35 per cento delle spese correnti sono ammesse, in deroga al limite del 20 per cento e comunque nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilità interno e dei limiti di contenimento complessivi delle spese di personale, le assunzioni per turn-over che consentano l’esercizio delle funzioni fondamentali di polizia locale previste dall’articolo 21, comma 3, lettera b, della legge 5 maggio 2009, n. 42. (com/gp)”.

“Pertanto, – conclude Sammarco – se l’interpretazione è esatta, c’è da auspicare una possibile occupazione per i giovani maddalonesi, oltre al reso servizio e, quindi non bisogna perdere tempo e occasione, oppure, potrebbe nascere il sospetto che, bisogna attendere che qualche adolescente diventi adulto, per una mera questione di nepotismo?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico