Caserta

Elezioni, Sel: “Autoregolamentazione antimafia per le candidature”

Pietro Di Sarno CASERTA. “Sel aderisce, in tutti comuni al voto in provincia di Caserta, al codice di autoregolamentazione antimafia per le candidature, e chiede a tutti partiti e le liste civiche coinvolte nelle consultazioni di fare altrettanto.

Le nostre liste saranno una novità vera, in termini di qualità delle candidature espresse e di apertura alla società civile”. Così si è aperta l’assemblea provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà di Terra di Lavoro, svoltasi a Caserta. Il direttivo dei vendoliani casertani era chiamato a pronunciarsi, fra i vari temi in campo, sulla posizione da assumere in vista della prossima tornata di elezioni amministrative che, nella nostra provincia, vedrà coinvolti, oltre alla città capoluogo, altri 28 comuni. “Il tema della qualità delle candidature per noi di Sel – afferma il coordinatore provinciale Pietro Di Sarno – viene ancor prima della costruzione delle alleanze e delle stesura dei programmi. Sel, come emerge dalla relazione della commissione parlamentare antimafia, si è distinta fra i partiti per non aver candidato nelle proprie liste persone che sono poi risultate coinvolte, a vario titolo, in inchieste giudiziarie. Crediamo che sia giunto il momento che l’intera classe politica di terra di lavoro dia un segnale forte in tal senso, senza ambiguità e tentennamenti”.

Di Sarno, in linea con le recenti dichiarazioni del leader Nichi Vendola, continua: “Abbiamo bisogno di un nuovo centro sinistra, aperto e rinnovato, alla cui costruzione, in tutti i comuni al voto, stiamo lavorando con impegno ed entusiasmo. I segnali che ci arrivano, in termini di partecipazione e di richiesta di adesione al nostro progetto, ci lasciano ben sperare. Attorno a sinistra ecologia libertà c’è un’attenzione mai registrata prima, attestata da sondaggi che, non solo nazionalmente, mostrano come la nostra proposta politica sia attraente e stia cominciando a dare i suoi frutti. Dal momento della semina, per usare una metafora, stiamo passando a quella del raccolto. Dobbiamo assumerci però le responsabilità che il ruolo che il nostro popolo ci chiede di assumere richiede”.

Di Sarno non usa mezzi termini sulla posizione che Sel assumerà, a partire dal tema delle alleanze: “La qualità delle candidature in campo – dice – ha bisogno di essere valorizzata dalla necessaria coerenza nella scelta dei nostri compagni di viaggio. Vogliamo un centrosinistra largo e rinnovato nei contenuti ma la novità non può essere rappresentata da alleanze spurie e momentanee con chi, fuori dal centro sinistra, non condivide nulla dei nostri programmi. L’alleanza con Pd e Idv deve aprirsi alla società civile, a un popolo che chiede di essere rappresentato e di ritornare a dire la propria là dove si prendono decisioni, a partire dai comuni. Segnali diversi e dissonanti non sarebbero compresi e renderebbero nulli i tentativi messi in campo in tanta parte della nostra provincia”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico