Aversa

Scuola, nuovo istituto comprensivo per Aversa

 AVERSA. Dal prossimo anno scolastico la città di Aversa avrà un nuovo istituto comprensivo. Venerdì scorso la giunta regionale, guidata dal governatore Stefano Caldoro, ha dato il via libera alla nascita del comprensivo, costituito dalla scuola media ‘Gaetano Parente’ e dal primo circolo didattico.

Inoltre, parte del quinto circolo didattico si unisce alla media ‘De Curtis’, costituendo un altro istituto comprensivo. E infine, la parte restante del quinto circolo si accorpa al terzo circolo, con la soppressione del quinto circolo didattico, di fatto nato male, così come era diviso a cavallo della città. Dal panorama cittadino, quindi, verranno a mancare il quinto circolo didattico e la scuola media ‘Parente’ o il primo circolo. Intanto, si andrebbero a formare due nuovi comprensivi, che si aggiungerebbero a quello già esistente (scuola media ‘Domenico Cimarosa’ più quarto circolo). Per il futuro, sebbene non immediato, un prossimo passo già in cantiere dovrebbe essere quello dell’accorpamento della scuola media ‘Pascoli’ e del secondo circolo didattico ‘Linguiti’. Questo almeno nelle intenzioni dell’amministrazione comunale normanna.

La nascita del nuovo comprensivo è stata lunga e travagliata. Un anno fa circa, infatti, l’amministrazione Ciaramella fece ricorso al Tar Campania per la bocciatura della delibera presso la giunta regionale dell’allora governatore Bassolino. Nella propria delibera, la giunta regionale non tenne neanche in considerazione la proposta formulata dal Comune di Aversa con le relative motivazioni di esigenze specifiche del territorio. Con la vittoria al Tar, invece, la proposta del sindaco Ciaramella è tornata al vaglio della giunta regionale che, questa volta, ha dato il via libera.

“Avevamo visto giusto un anno fa. – commenta il sindaco Ciaramella – Il nostro obiettivo era ed è, anche alla luce della normativa nazionale che detta i numeri minimi di alunni per la sopravvivenza di una scuola, quello di creare una serie di istituti comprensivi dove l’alunno entri alle elementari ed esca pronto per le scuole superiori. Crediamo, infatti, che questo tipo di istituto risponda meglio alle esigenze sia degli alunni che organizzative in senso stretto”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico