Aversa

Pdl, prima si lamentano e poi smentiscono: “Tutto ok con Golia”

Carlo AmorosoAVERSA. “Nel merito della presunta contestazione del gruppo consiliare del Pdl nei riguardi del coordinatore cittadino, Nicola Golia, riportate nei giorni scorsi, ritengo opportuno rappresentare, …

… al contrario, la piena fiducia e stima nei confronti dello stesso non soltanto mia ma anche quella dei colleghi De Michele, Andreozzi, Menale, Campochiaro, Barbato, Tozzi, Galluccio e Scalzone, che a tanto mi hanno espressamente sollecitato. Altrettanta fiducia ed apprezzamento esprimiamo per l’ottimo lavoro che sta svolgendo quale vicepresidente ed assessore della Provincia di Caserta. Le presunte contestazioni sono, quindi, in malafede propagandate”.

Questa la nota, netta e chiara nella sua sostanza, a firma di Carlo Amoroso (nella foto), consigliere comunale del Popolo della Libertà, pervenuta dopo la pubblicazione di un articolo nel quale si riportavano dichiarazioni di almeno tre componenti del gruppo consiliare del partito di maggioranza relativa che stigmatizzavano il comportamento del coordinatore Golia, accusato di non interessarsi del partito ad Aversa, ma, nello stesso tempo, di decidere per il partito stesso, senza tener conto dei consiglieri comunali. Notizie del malessere, delle fibrillazioni, come oramai le chiamiamo noi giornalisti, che, sottolineiamo, vengono da esponenti autorevoli del Pdl che, però, ci hanno pregato di non esporli.

Una sorta di vigliaccheria, se non di più, considerato che, poi, ci ritroviamo i nomi dei tre tra quelli che sottoscrivono la nota di precisazione sopra riportata. Ma questo fa parte dell’animo umano. Quello che rimane, anzi è confermato da questo episodio, che in seno al Popolo della Libertà il malessere c’è, esiste ed è cieco e colpevole di quanto poi avverrà chi non lo vuole vedere. Per il resto, da oggi, le dichiarazioni dei politici saranno da chi scrive virgolettate ed attribuite agli autori.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico