Aversa

Ciaramella: “Mancanza di programmazione? Solo falsità”

 AVERSA. In questi ultimi giorni si è acceso un forte dibattito in città sul Piu Europa e in generale su una ipotetica “mancanza di programmazione” in città, da parte di vari esponenti politici, l’ultimo, in ordine di tempo, il segretario cittadino del Pd Mariano D’Amore.

A replicare è il sindaco Domenico Ciaramella: “C’è chi dice che non abbiamo progetti e chi dice che non ce la faremo a realizzarli entro i tempi previsti. Le argomentazioni portate a sostegno di queste tesi, errate, è che la nostra città non si sia mossa per tempo e che oggi vi sia un rischio di perdita delle opportunità di finanziamento date dai fondi strutturali europei, destinati alla riqualificazione e miglioramento della nostra città. Niente di più falso. – sottolinea il sindaco – E’ vero che la città di Aversa, come peraltro tante altre città medie, ha iniziato lentamente il suo percorso di costruzione del proprio piano strategico di interventi, formalizzato prima nel Dos e poi nel Piu Europa. E’ vero che il Piu Europa di Aversa è stato approvato dalla Regione Campania nel marzo del 2010. E’ vero che a quasi un anno dalla sua approvazione, la Città di Aversa è una delle sedici su venti, città medie che è in attesa di sottoscrivere con la Regione l’accordo di programma, che darà avvio effettivamente alla sua realizzazione. E’ vero che ad oggi solo quattro città lo hanno già sottoscritto ed è vero che la firma non dipende dalla nostra volontà, ma dalla Regione e dalla sua volontà di velocizzare la realizzazione dei Piu in Campania, mettendo le risorse definite nel Po-Fesr a nostra disposizione. E’ vero che in questi giorni la Regione Campania, proprio in virtù dell’approvazione regionale del nostro programma di interventi e come previsto dalle procedure europee, ha erogato alla nostra città un anticipo del 7% sul totale del finanziamento, pari a 1.884.291,48 euro (né un euro di più, né un euro di meno), destinato a sostenere le progettazioni. E’ vero che sono state già avviate, in gran parte, tutte le procedure per le progettazioni. Dunque è falso che alcuni partner (Curia e Facoltà di Ingegneria) abbiano già ricevuto ‘ingenti fondi’, come dichiarato da alcuni esponenti politici sui giornali. E’ vero che i fondi strutturali hanno validità 2007-2013, ma come sanno i meglio informati, questo è il periodo riferito alle attività di programmazione, progettazione e avvio dei lavori, mentre la chiusura della realizzazione dei lavori e delle attività di spesa è fissata dai regolamenti europei al 31 dicembre 2015, con successiva chiusura definitiva della rendicontazione nei sei mesi successivi”.

E qui Ciaramella si rivolge al segretario del Pd: “Dunque, è falso, caro dottor D’Amore, che si debbano spendere tutti i fondi entro il 2013, bensì entro il 2015. E’ vero che il Piu Europa è articolato su un insieme di 37 interventi, frutto di una intensa attività di programmazione condotta a livello istituzionale e condivisa con i competenti uffici regionali, al fine di rendere il programma coerente con gli obiettivi del Po-Fesr Campania e del quadro strategico nazionale. E’ falso, caro dottor D’Amore, che la città di Aversa non abbia progetti. E’ vero, infine, che la scorsa settimana, abbiamo inviato, su richiesta della Regione Campania, un elenco di 13 interventi sui quali richiedere un ulteriore finanziamento, a copertura della spesa aggiuntiva prevista dai progetti che nel Piu Europa sono denominati tecnicamente ‘Next’, al fine di completare il quadro finanziario e dunque procedere quanto prima alla realizzazione di quanto programmato, deliberato, approvato dalla Regione e in attesa solo dello sblocco dei fondi, come ben noto”.

“Invito, quindi, – conclude Ciaramella – tutti colo ro che strumentalmente intervengono sull’argomento ad informarsi prima di rilasciare interviste con battute completamente false ed inesatte, specialmente per un addetto ai lavori quale dovrebbe essere il professor D’Amore”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico