Santa Maria C. V. - San Tammaro

Il tribunale mette in vendita il Real Sito di Carditello

 SAN TAMMARO. Sembra essere giunta ad un tragico epilogo la lunga e tormentata vicenda dell’antica tenuta di Carditello e dello splendido complesso architettonico realizzato dall’architetto Francesco Collecini alla fine del Settecento,

… una delle “reali delizie” dei sovrani borbonici, azienda agricola e di allevamento, attualmente patrimonio del Consorzio Generale di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno, ente strumentale della Regione Campania. L’Ufficio esecuzioni immobiliari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha infatti nominato il professionista incaricato della procedura, avvocato Meinardi, e giovedì 27 gennaio si terrà la prima udienza per la vendita del Real Sito (prezzo a base d’asta 25 milioni di euro), per soddisfare l’ente creditore, la Sga, società di recupero crediti del Banco di Napoli.

L’associazione “Italia Nostra” Caserta e il Coordinamento Associazioni Casertane, lanciano ancora una volta un appello alla società civile per sollecitare le Istituzioni (Stato, Regione, Provincia, Comune di San Tammaro) affinchè acquisiscano alla proprietà pubblica il complesso monumentale di Carditello e provvedano al suo restauro, sottraendolo al drammatico stato di degrado in cui attualmente versa, garantendone la fruibilità con l’inserimento di funzioni compatibili con la sua destinazione originaria, come già è avvenuto in altre regioni d’Italia (vedi l’esperienza del Piemonte e delle residenze Sabaude). Sarebbe veramente tragico celebrare i 150 anni dall’Unità d’Italia perdendo un così straordinario patrimonio storico artistico, testimonianza del glorioso passato produttivo di Terra di Lavoro.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico