Italia

Fiat Mirafiori, stella Br contro Marchionne

Sergio MarchionneTORINO. Sale la tensione sull’accordo fra la Fiat e i sindacati per il rilancio dello stabilimento di Mirafiori, a quattro giorni dal referendum in programma per giovedì e venerdì prossimi.

Mentre a Roma Fiom e Cgil trattano per trovare una posizione comune sul dopo referendum in caso di vittoria dei sì, a Torino compaiono scritte contro l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, protagonista di quell’accordo.

“Marchionne fottiti” è stato scritto con vernice rossa su un grande manifesto pubblicitario sul cavalcavia ferroviario di corso Sommellier, nel centro cittadino, con una stella a cinque punte. E poco distante, su altri due grandi manifesti pubblicitari, altre scritte: “Non siamo noi a dover diventare cinesi” e, poi, “ma i lavoratori cinesi a diventare come noi”, con altre due stelle a cinque punte. Carabinieri e Digos sono estremamente cauti su queste e su un’altra scritta scoperta oggi in città, nella centralissima via Garibaldi (“Marchionne infame”, seguita dalla ‘A’ anarchica). Sottolineano che la stella a cinque punte non è iscritta in alcun cerchio (come facevano le Brigate Rosse), spiegano che non c’è alcun segnale che possa far pensare a ipotesi terroristiche o eversive, ricordano che la simbologia non è inedita (anche in tempi recenti) e che le scritte potrebbero essere state fatte da chiunque per alzare i toni e attirare la massima attenzione.

Detto questo spiegano che il livello di attenzione è alto perchè siamo a pochi giorni dal referendum e il confronto sull’accordo per il futuro di Mirafiori si sta svolgendo con tinte forti. La condanna per le scritte è stata subito unanime, a partire dalla Fiom e dalla Cgil (“Netta condanna di ogni forma di violenza e di ogni forma di critica e di battaglia politica antidemocratica”, in “un momento troppo delicato per dare spazio a provocazioni di qualsiasi natura e da qualsiasi parte provengano”, con l’invito “a non cadere in trappole mediatiche o peggio folcloristiche”).

Il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, invita a “non abbassare la guardia”; per il Pd non ci deve essere alcun “pretesto per la violenza, neanche simbolica”, mentre per il vicepresidente dei deputati del Pdl, Osvaldo Napoli “lo sdegno della sinistra è ipocrita”. Al termine di una riunione fiume, abbandonata l’ipotesi di una sigla tecnica a cui la Fiom continua ad opporsi drasticamente, la Cgil e il sindacato delle tute blu ora si devono concentrare sul dopo referendum e su come garantire ai lavoratori iscritti alla Fiom una rappresentanza all’interno dello stabilimento. Nessuna spaccatura fra le due organizzazioni, assicura il leader Fiom, Maurizio Landini.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico