Esteri

Egitto, proteste contro il governo: morto un poliziotto

 IL CAIRO.Esplode nuovamente la violenza al Cairo, in Egitto. Nel centro del Cairo si sono verificati incidenti tra polizia e manifestanti, 25mila secondo gli organizzatori.

Un agente della polizia egiziana è morto negli scontri tra forze di sicurezza e manifestanti nel centro del Cairo. Secondo quanto riporta l’edizione on-line del quotidiano egiziano ‘al-Wafd’, l’agente impiegato nei reparti anti-sommossa è deceduto dopo violenti scontri in piazza Maidan al-Tahrir. Il sito del quotidiano mostra anche un video nel quale si vedono alcuni agenti cercare di soccorrere il poliziotto per portarlo in ospedale.

Oggi un gruppo di manifestanti è riuscito a scavalcare i cordoni di sicurezza creati intorno al Museo egizio del Cairo, nel centro della capitale, e ad entrare nell’edificio. Lo scrive il sito di al-Shorouk, secondo il quale alcuni gruppi di manifestanti sarebbero riusciti a mettere in fuga gli agenti della sicurezza. Nella zona, si legge ancora, un gran numero di auto parcheggiate per strada è andato distrutto.

Sono più di 30mila le persone scese in piazza al Cairo per manifestare contro il governo nel ‘Giorno della collera’. A fornire la cifra è stato il portavoce del movimento di opposizione egiziano ‘6 Aprile’, Mohammed Adel, in un’intervista ad Aki-Adnkronos International. “La polizia ha usato i lacrimogeni e gli idranti per disperderci – ha aggiunto – Non abbiamo dati ufficiali sul numero dei manifestanti nel resto del paese”.

La polizia egiziana avrebbe compiuto 600 arresti tra i manifestanti nelle principali città egiziane. Lo hanno reso noto alcuni attivisti dell’opposizione egiziana, citati da ‘al-Wafd’. Secondo gli attivisti, decine di arresti sono stati effettuati nei dintorni della sede del parlamento e nella piazza Maidan al-Tahrir del Cairo.

Negli scontri scoppiati nella capitale tra dimostranti e agenti di polizia almeno cinque manifestanti sono rimasti feriti. Lo riferisce l’agenzia di stampa ‘Dpa’, precisando che gruppi di dimostranti si sono diretti verso l’edificio che ospita la sede del ministero degli Esteri intonando slogan contro il presidente Hosni Mubarak, come ‘Mubarak, cosa stai facendo con i nostri soldi?’ e ‘Via, via, vogliamo il cambiamento’. A Dar El Salam, a sud del Cairo, i dimostranti sono scesi in piazza al grido di ‘Pane e libertà’.

Alla giornata di protesta proclamata dall’opposizione in diverse province egiziane, tra cui Alessandria, hanno aderito, oltre al movimento ‘6 Aprile’, i liberali egiziani, tra cui il partito ‘al-Ghad’, ma anche i Fratelli Musulmani, il partito ‘al-Wafd’ e il movimento che fa capo a Mohammed El Baradei.

I manifestanti chiedono profondi cambiamenti nel paese e in particolare l’abolizione dello stato d’emergenza introdotto nel 1981, oltre alle dimissioni del ministro dell’Interno, Habib al-Adly, e una legge che limiti a due il numero massimo dei mandati presidenziali.

Il ministro dell’Interno ha emesso un ordine di ”arresto per chiunque esprima illegalmente i suoi punti di vista”. Le auto della polizia e della sicurezza hanno creato un cordone di protezione nei luoghi indicati per la protesta e bloccato le principali strade della capitale. Per ragioni di sicurezza, le ambasciate degli Stati Uniti e del Canada hanno emesso un comunicato con il quale consigliano ai propri cittadini di evitare i luoghi dove si tengono le manifestazioni.

Anche alcuni gruppi di beduini che risiedono nella penisola del Sinai hanno deciso di prendere parte alle proteste di oggi contro il governo egiziano, mentre le chiese copte hanno tenuto messe per pregare a favore della stabilità dell’Egitto e invitato i fedeli a non partecipare alle manifestazioni.

Le forze di sicurezza egiziane hanno chiuso la sede del partito El Ghad guidato da Ayman Nour in piazza Talaat Harb. Lo ha riferito lo stesso politico egiziano, arrestato nel gennaio del 2005 dal governo di Hosni Mubarak e rilasciato nel febbraio del 2009 per motivi di salute. Il suo partito chiede una riforma costituzionale mirata a limitare i poteri del presidente e ad aprire le elezioni presidenziali a più candidati. Recentemente Nour è stato aggredito dopo aver annunciato la sua intenzione di candidarsi alle presidenziali.

Intanto, il figlio del presidente egiziano Hosni Mubarak, Gamal, considerato candidato alla successione al potere, sarebbe fuggito a Londra a bordo di jet privato con la moglie e la figlia. E’ quanto riporta la rivista online araba ‘Akhbar al-Arab’, edita negli Stati Uniti, ma la notizia non trova alcuna conferma ufficiale. Una fonte ufficiale dell’aeroporto del Cairo ha negato, al giornale ‘al-Wafd’, che alti funzionari del governo o uomini d’affari siano partiti stamane, “per evitare gli effetti del ‘Giorno della collera’ proclamato dalle opposizioni nel paese”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico