Caserta

Forum Days, Pier Luigi Celli ha presentato il suo libro

Pier Luigi CelliCASERTA. La difficoltà a far emergere il merito e a valorizzare le reali potenzialità dei giovani italiani. Questi sono stati alcuni tra i principali temi trattati da Pier Luigi Celli, direttore generale dell’università Luiss “Guido Carli” di Roma, …

… che oggi pomeriggio, presso l’Istituto Salesiano di Caserta, ha presentato il suo nuovo libro “La generazione tradita”. Celli è stato intervistato dal giornalista de “Il Mattino”, Lorenzo Calò, nell’ambito della seconda giornata di “Forum Days”, progetto seminariale sostenuto dal settore Politiche Giovanili della Regione Campania per la Provincia di Caserta.

Tema della giornata era proprio “Mal di merito: talento da svendere”. Il direttore generale della Luiss ha affrontato molti argomenti di rilievo e di attualità nel corso della presentazione del libro, a partire dalla riforma universitaria realizzata dal Ministro Gelmini: “L’università italiana – ha detto – ha elementi di assoluta eccellenza, ma non gode di ottima stampa. Ci sono state troppe riforme dell’università in Italia. L’ultima, quella del Ministro Gelmini, introduce degli elementi sacrosanti, come quelli del merito, della valutazione dei risultati conseguiti dai docenti e dei nuovi criteri per definire la carriera universitaria. Tutte queste buone intenzioni, però, rischiano di essere bloccate da un eccesso di regolamentazione, che potrebbe rendere difficile l’applicazione delle norme”.

Celli, poi, ha anche analizzato le proteste studentesche degli ultimi mesi: “Credo che la riforma Gelmini – ha aggiunto Celli – sia solo lo spunto per esprimere un disagio che è molto più profondo e che affonda le sue radici nella mancanza di certezze per i giovani, che tendono a ribellarsi a una precarietà che sembra incontrollabile”. Dopo aver raccontato con dovizia di particolari le tappe principali della sua carriera di manager in aziende pubbliche (la Rai in primis) e private, Celli ha affrontato il tema del merito, che rappresenta il cuore del suo ultimo libro: “Di merito – ha detto – parla chi non lo pratica. Il merito ha due componenti: la competenza e l’impegno. Purtroppo, non sempre si fa carriera grazie al merito. A volte vengono seguiti percorsi poco lineari e del tutto impropri”.

Non è la prima volta che Pierluigi Celli affronta il tema della difficoltà incontrata dai giovani nel vedere valorizzate le proprie professionalità. E’ di appena qualche anno fa, infatti, la famosa lettera al quotidiano “La Repubblica”, con la quale Celli esortava suo figlio ad abbandonare l’Italia, in quanto Paese non in grado di mettere a frutto il talento dei suoi tanti e qualificati giovani. Secondo il direttore generale della Luiss i giovani devono essere considerati come una reale risorsa, sulla quale puntare per un deciso sviluppo del Paese. Ad essi, quindi, spetta, quasi come una sorta di risarcimento, la possibilità di poter raccogliere la sfida di un rilancio del Paese grazie al loro prezioso e irrinunciabile contributo.

Dopo l’intervista, c’è stato un dibattito con i giovani partecipanti in sala sui temi trattati nel corso dell’incontro. Dopo quello odierno, sono in programma altri tre appuntamenti (28 gennaio, 11 febbraio e 21 febbraio) nell’ambito dell’iniziativa “Forum Days”. Essi riguarderanno politiche sociali e immigrazione (ospiti monsignor Bruno Schettino, arcivescovo emerito di Capua e l’assessore regionale Severino Nappi), meritocrazia e valorizzazione dei talenti (presenti il commissario regionale dell’Udc, Gianpiero Zinzi, e il coordinatore nazionale di Generazione Giovani, Gianmario Mariniello) e ambiente e territorio, con la partecipazione del presidente onorario di Legambiente, Ermete Realacci, del deputato del’Udc, Mauro Libè, e del presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, che concluderà i lavori.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico