Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna, Legambiente: “Rifiuti speciali tra pescheti e fragoleti”

 CASAPESENNA. Il circolo diLegambiente Casapesenna denuncia le tantissime microdiscariche, ancorapresentinelle zone rurali asud del piccolo centro dell’agro aversano, che minacciano il territorio e la salute dei cittadini.

“Le nostre campagne, – spiega il presidente Pasquale Cirillo – si stanno drammaticamente riempiendo di rifiuti speciali pericolosi, diventando sempre più spesso delle vere e proprie discariche a cielo aperto. E’ sufficiente farsi un giro in bicicletta, o una corsa tra i sentieri periferici per rendersi conto di questo inaudito scempio ambientale. Tra scorci dei caratteristici filari di vite dellocale vino aspirino e tra pescheti, meleti eserredifragoleè ormai frequente osservare rifiuti di ogni genere: bidoni in plastica e in metallo, vecchi arredamenti casalinghi, apparecchiature elettroniche, materiali di risulta di cantieri, pneumatici fuori uso e soprattutto il pericolosissimo amianto sottoforma di ondulati di eternit. Tutto questo è davvero inconcepibile”.

Legambiente si rivolge al sindaco Fortunato Zagaria: “Facciamo il possibile affinché non si rechi più questa offesa alla nostra terra, simbolo di vita, di storia, di tradizione e di cultura, che deve essere difesa e valorizzata a tutti i costi”. Il gruppo ambientalista ha realizzato rilievi fotografici, che trasmetterà con una lettera-denuncia al Settore provinciale Ecologia tutela dell’Ambiente della Regione Campania di Caserta, al Ministero dell’Ambiente, all’Arpac di Caserta e a Legambiente Campania.

Il volontario Ernesto Piccoloèinoltre preoccupato per gli incendidei rifiuti plasticidelle serre, e per la pericolosità dei rifiuti elettronici e delle lastre in eternit, auspicando “la famosabonifica più volte annunciata dai nostri politici”.

clicca per ingrandire

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico