Aversa

Sospensione treni regionali, la protesta dei pendolari

 AVERSA. La guerra dei pendolari si sta facendo sentire in questi primi giorni dell’anno e le proteste non accennano a diminuire.

Motivo della contesa è la sospensione, che dura oramai da diversi mesi, da parte di Trenitalia di alcuni treni che dal capoluogo campano giungono fino a Caserta. Questi treni assumono un’importanza quasi strategica per i lavoratori dell’agro aversano: comportano la fermata ad ogni stazione e quindi sono utilissimi a tutti coloro che dalla provincia si spostano a Napoli per lavoro e studio. Secondo una statistica effettuata proprio su questi treni, circa il 70% di coloro che ne usufruiscono sono appunto pendolari. La protesta, dunque, appare più che giustificata anche perché non giustificati appaiono i disagi pratici a cui queste persone da mesi vanno incontro.

Ne hanno parlato, durante un incontro, il Partito Democratico di Aversa e la Confesercenti provinciale che hanno diramato una nota congiunta sulla questione: “Circa la soppressione di alcuni treni da Napoli a Caserta in orari fondamentali per i l pendolari del comprensorio aversano, il Pd di Aversa e la Confesercenti provinciale esprimono il totale sostegno alla protesta in corso da parte di centinaia di lavoratori danneggiati dalla decisione di Trenitalia assunta, tra l’altro, con modalità brutali ed offensive per la stessa dignità dei cittadini, tutelata dalla nostra Costituzione. E si tratta di lavoratori che già vivono una condizione di profondo disagio. Le decisioni di Trenitalia, anche in base a pubbliche dichiarazioni dell’Amministratore delegato, sembrano riconducibili ad una politica ritorsiva dell’Azienda rispetto all’imminente ingresso di altri operatori nell’utilizzo della rete ferroviaria. Rispetto ad essa. la totale assenza del governo nazionale conferma il già comprovato disinteresse per i problemi che veramente riguardano le condizioni di vita dei cittadini, su cui vengono sempre più riversati costi insostenibili. Ancora una volta tagli drammatici vengono a colpire il Sud e la Campania, che ormai si trovano a sostenere, in una pluralità di settori (carburante, assicurazioni, igiene urbana), costi ben più onerosi delle regioni del centro-nord. Il governo provinciale e regionale non possono restare imbambolati ed assenti rispetto a politiche nazionali, che scoraggiano ogni prospettiva di sviluppo economico e commerciale e rischiano di seminare disperazione ed istigare alla rivolta.Nel quadro provinciale e regionale, il comprensorio aversano, che risulta particolarmente penalizzato dalla delocalizzazione di sedi di pubblici servizi, deve far sentire la sua voce. Il Pd di Aversa, che porterà in tutte le sedi istituzionali la questione dei trasporti, lancia un appello alle forze che avvertono la responsabilità del momento, perché si proceda insieme ad elaborare una vertenza ‘comprensorio aversano’ a sostegno della quale si è già avviato un coordinamento dei Circoli democratici del territorio”. I pendolari attendono risposte chiare che diano chiarezza alle loro legittime richieste.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico