Aversa

Ripulita l’area mercato dopo “avvertimento” delle Guardie Lida

 AVERSA. Sarà stato effetto del sequestro del Parco Pozzi ma è un dato di fatto che da mercoledì pomeriggio una squadra di operatori della Senesi è stata impiegata per eliminare i rifiuti presenti, a mucchi, all’interno dell’area di via Madre Teresa di Calcutta, sede del mercato settimanale.

Solo pochissimi giorni fa avevamo segnalato, ancora una volta, le indecenti condizioni in cui versava quell’area, invitando chi di dovere quanto meno a multare coloro che erano tenuti a ripulirla, se non avessero ottemperato all’obbligo contrattuale. E invece niente. Perché si compisse il “miracolo”, però, è bastato che il responsabile delle guardie Lida (le stesse che hanno sequestrato il Parco Pozzi), Saverio Mazzarella, “intimasse”, come scrive in un rapporto trasmesso alla stampa, “ai vigili urbani di avvertire chi di competenza di provvedere immediatamente alla rimozione della grande quantità di rifiuti dalla vastissima area del mercato rionale, che versa in condizioni apocalittiche, con rifiuti pericolosissimi e periodicamente dati alle fiamme o illecitamente smaltiti nell’area”, concedendo solo un giorno di tempo per il ripristino dello stato dei luoghi e avvertendo che, in mancanza, il nucleo Lida dopo il Parco Pozzi avrebbe potuto concedere il “bis”, sequestrando anche l’area mercato.

Questo accadeva nella mattinata di mercoledì. Poche ore dopo gli operatori della Senesi erano già al lavoro e lo erano anche mercoledì mattina per provvedere a ripulire quell’area dai cumuli di rifiuti presenti. “E’ un fatto clamoroso” scrive Mazzarella nel rapporto trasmesso alla stampa. “Com’è possibile – si chiede – che queste soluzioni si possano raggiungere solo operando repressivamente, invece di portare la città in condizioni socialmente e vivibilmente accettabili senza coercizione o intimazioni di sequestro?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico