Aversa

Al Premio Cimarosa “parla” il grande compositore aversano

da sin. De Chiara, Licenziati e LiottoAVERSA. La seconda edizione del “Premio Cimarosa” ha richiamato tanti artisti ed amanti del grande compositore aversano.

All’evento era presente anche l’associazione “New Dreams”, che ancora una volta ha contribuito gratuitamente all’organizzazione, con il presidente Donato Liotto che ha premiato sul palco il vicesindaco e assessore alla cultura, Nicola De Chiara, alla presenza del maestro Piero Viti e della conduttrice Lorenza Licenziati.

“Creare sinergie a collaborare con altre associazioni per noi è stimolo e gratifica quanti si adoperano in manifestazioni di rilievo che mirano a tenere alto il nome di Aversa. – ha commentato il presidente della New Dreams – Attraverso questi eventi non solo, si contribuisce a portare cultura di alto livello in città, ma, collaborando assieme ad altre realtà associative, le manifestazioni assumono sicuramente maggior qualità, dove tutti hanno ben chiaro il proprio ruolo e compito. Dietro queste manifestazioni c’è tanto impegno e sacrificio, faccio un plauso all’amministrazione comunale e al maestro Viti per aver proposto, per il secondo anno, un evento davvero ricco di contenuti. Se oggi diciamo ‘sono di Aversa’ sicuramente ci risponderanno ‘La città di Cimarosa’. E questo grazie anche all’impegno profuso in questi anni a realizzare eventi dedicati all’arte di Cimarosa”.

Liotto, per l’occasione, ha scritto un testo, che potete leggere di seguito, dove a “parlare” è il protagonista della kermesse: Domenico Cimarosa. Liotto, infatti, ha voluto provare a immaginare cosa avrebbe detto in questa occasione Cimarosa, ponendolo nell’immaginario al centro del palco e concedergli la parola.

“Averza..a città addò so nnate”. Stasera veche tanta bella ggente, mentre veneve ccà..m’hanne ditte e confermate, che proprie n’anne fa.. era uguale, o tiatro ere gremite e amici, appassionate, artiste, e tant’autorità. Io mi scuso cu tutte quante, me so scurddate e m’appresentà.

Sò Domenico Cimarosa..e so figlie e stà città. Era tantu tiempe.. che mancave a ccà. Averza è semp a stessa, pochi ccose so cagnate..e pure si è paricchie che manche a ccà, tenghe l’impressione che è sule na jurnnate, che io manche a stà città. E cheste, grazie a tanta amici, che stasera me vonne festeggià. Loro, me onorene, nun sule addò io so nnate, ma pe tutto o munno. Loro parllene e me pigliannese a prestito a musica mia, attraverse a musica mia, fanne parlà nun sule e me..ma soprattutto e Averza.. a città addò so nnate. Grazie a chisti amici, a chisti grandi artisti, me tenghe sempe aggiornnate e informato. I palchi, i teatri addò se parla e se canta e me, ne so assaje.. nun se ponne annummenà.

Ma chesta sera è assaje speciale, chesta sera, stamme Averza, a città addò so nnate. Chistu fatte ccà, ma convinte a fa chist’ intervento, nu ringraziamento cu tutte o core è doveroso. Vuje spesso, jate raccuntanne e po’ dicite, che site orgoglioso e me festeggià. Io ve diche invece, che so onorate chesta sera e sta ccà, n’zieme a vuje. Chistu premio che porte o nomme ‘e Cimarosa, ormaje è o sicond’anne è assaje m’portante, quanta gente l’hà vulute. Nu guaglione innanzitutto, o voglie ringrazià, Jsse e musicista, e nu studioso e l’arte mija , e virtuoso ca chitarra, è maestro e musica, ma pe mme è soprattutto maestre e umiltà, se chiamme Piero Viti, pure jsse comme a mme è figlie e sta città. Pè mme e quasi comme a nu figlie..sape tutta a vita mia, isse , nun parle assaje, e scurnnuse..ma datece na chitarra e ve conte..anze vve sone tutte e fatte mije. Nata perzzona, che me perseguita, e chest o diche pazzjanne, Nicola De Chiara, assessore alla cultura e stà città, jsse invece, a differenze e Piero, tene nu carattere cchiù apierte..datece nu microfono, na penna e ve sape dicere, cu pparole affezionate, tutte a storia mija, e grazie a jsse e a Piero si stasere stamme ccà. Io a sti dduje guagliune, a verità…me so affizionate assaje, e considere comme a figlie e pe cheste è vogliè ringrazià.

Certe, si tutte cheste se avverate, e grazie pure a chi, se chiamme comme a me…o sinneche e sta città, Mimmo Ciaramella, c’è cunuscimme a poche.. ovunque jsse va, spenne sempe na parola per il sottoscritto, grazie a lui, e a tanti altri, sia in passato, ed in futuro che vorranno ricordarmi. Pozze affermà: tutti, ma overe tutti, gruosse e piccerille, gente che manche sapeva e l’esistenza mia, oggi dice: Io songhe d’Averza…a città e Cimarosa. E’ proprio overe e comme stà scritte sotta a cupola e stu teatro, che porte o nomme mije: ‘Fugge la vita..vivente resta nell’arte’.

L’arte, la musica e la cultura vivranno sempre attraverso questi eventi.Per questo vi ringrazio nuovamente. Io so Cimarosa, e so cittadino del mondo..ma prima di tutto so cittadino e stà città. Averza, ‘a città addò so nnate…io nun m’hà scorde maje…proprio comme vuje maje ve scurdate e me”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico