Teverola

Chiude la centrale termoelettrica di Teverola: “E’ obsoleta”

la centrale termoelettrica di TeverolaTEVEROLA. “E.On”, colosso mondiale dell’energia elettrica con sede a Dusseldorf, in Germania, chiude la centrale termoelettrica di Teverola e colloca in cassa integrazione e successiva mobilità i lavoratori.

In alternativa, provvederà al loro trasferimento presso altre unità produttive fuori dalla Campania. A renderlo noto sono le segreterie di Filctem-Cgil, Flaei-Cisl e Uilcem-Uil, le quali precisano che “E.On è arrivata a questa decisione nonostante il sindacato abbia rivendicato investimenti in tecnologia che avrebbero consentito a questo sito produttivo di continuare a produrre energia elettrica per la Campania a costi compatibili con il mercato e con le esigenze di sviluppo del territorio. Il sindacato di categoria – aggiunge il comunicato – denuncia questo ennesimo sfregio alla Campania ed al meridione italiano, compiuto da una delle più grandi aziende elettriche al mondo. Filctem, Flaei e Uilcem chiedono alle forze politiche, produttive e sociali della Campania il sostegno per evitare un ulteriore impoverimento di un territorio che appare condannato alla morte sociale e produttiva”.

L’impianto, in regime Cip6, è obsoleto e non ristrutturabile. E.On sta studiando un personale programma di trasferimento per il personale di Teverola, circa 20 unità, ai vari impianti del Gruppo, consentendo il mantenimento del posto di lavoro presso altre centrali. L’impianto, secondo quanto si apprende, ha operato con ricavi di vendita dell’energia sussidiati. Di recente, E.On ha deciso di aderire alla risoluzione anticipata come previsto nel decreto ministeriale del 2 agosto scorso, in cui si stabilisce che gli operatori Cip6 hanno diritto a risolvere anticipatamente le convenzioni. In caso di prosecuzione dell’esercizio, la società proprietaria dell’impianto, “Centro Energia Teverola – Cet”, genererebbe perdite economiche significative.

La chiusura di Teverola, tra l’altro, non sarebbe legata al disimpegno del gruppo dall’Italia ma, viceversa, confermerebbe gli indirizzi strategici del gruppo dal momento che gli impianti Cip6 non rientrano nel focus della strategia di generazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico