Sant’Arpino

Edilizia residenziale, il Consiglio approva le linee guida

Eugenio Di Santo SANT’ARPINO. Il consiglio comunale di Sant’Arpino ha approvato all’unanimità le “Linee guida” per l’attuazione di interventi di edilizia residenziale in tre ambiti territoriali individuati già dal Prg vigente e confermati nella delibera di attuazione del Piano Casa dello scorso febbraio.

“Un successo rilevante sia sotto il profilo politico che amministrativo”. Hanno evidenziato a margine dei lavori del consiglio Eugenio Di Santo ed Elpidio Iorio, rispettivamente Sindaco e Assessore all’Urbanistica della cittadina atellana, che hanno aggiunto: “Abbiamo lavorato intensamente in questi mesi affinché su questa tematica di particolare risalto vi fosse la più ampia convergenza delle forze che siedono in consiglio comunale. La maggioranza, con serenità, trasparenza e mente sgombra da pregiudizi di sorta, con l’ausilio dell’ufficio urbanistico nella persona dell’architetto Filippo Frippa, ha redatto un’idea di ‘Linee Guida’ aperta al confronto e a quei suggerimenti che avessero il senso di migliorare ulteriormente la proposta. Con questo spirito ci siamo confrontati in una seduta fiume nella commissione competente. Il risultato di questo minuzioso quanto abile lavoro è sintetizzato nella proposta finale che, nell’esclusivo interesse del nostro paese, ha fatto registrare prima in commissione e poi nel civico consesso il plauso unanime dei consiglieri presenti. Riteniamo che specialmente nelle materie urbanistiche e di sviluppo territoriale vi debba essere una politica di più ampia convergenza possibile attraverso l’elaborazione di proposte condivise. Un proposito che, con tenacia e passione, è divenuto realtà su questo strategico argomento che sia a febbraio che ieri ha fatto registrare una discussione costruttiva, profonda e un voto unanime. Un merito che ascriviamo non solo alla bontà della proposta ma anche al senso di responsabilità di tutti, tra cui si segnala quello del presidente e dei componenti tutti della commissione urbanistica e quello delle forze politiche di opposizione”.

Sul piano tecnico l’adozione delle ‘Linee Guida’ spiana la strada alla redazione dei progetti di riqualificazione dei tre ambiti territoriali interessati (cd. Via Marconi; Via Volta; Viale della Libertà). Le ‘Linee Guida’, in dettaglio, prevedono una serie di ‘condizioni’ a cui dovranno conformarsi i soggetti proponenti i piani. Norme restringenti e in linea con le politiche di salvaguardia ambientale e di prevenzione dei rischi sismici. Negli ambiti interessati dagli interventi di edilizia residenziale, dopo l’approvazione del progetto di riqualificazione, i soggetti attuatori potranno accedere ai permessi di costruire solo dopo aver avviato le opere di urbanizzazione primaria (strade, parcheggi, spazi di verde attrezzato, ecc.), e dopo aver ceduto dei suoli da destinare ad opere di urbanizzazione secondaria (scuole, mercati di quartieri, centri culturali e sanitari, uffici comunali, ecc.). Non ultimo, all’ente locale saranno ceduti degli immobili da destinare con apposito bando alle fasce sociali più disagiate (housing sociale).

“Con grande senso di responsabilità – continuano Di Santo e Iorio – abbiamo finalmente fissato i presupposti a cui dovranno attenersi quanti interessati ad investire sul nostro territorio. Non dimentichiamo che il provvedimento adottato ha anche lo scopo di avviare sviluppo e rilancio economico del nostro paese in un momento di grave crisi”. “Naturalmente – concludono i due amministratori santarpinesi – questa non è l’unica risposta urbanistica che l’Amministrazione intende dare al paese. Ci stiamo occupando infatti di elaborare proposte per altre problematiche urbanistiche che, come per quelle delle zone C, attendono invano risposte da decenni. Su tali proposte concrete avvieremo in tutte le sedi possibili un confronto sereno e costruttivo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico