San Nicola la Strada - San Marco Evangelista

Rapine tra Caserta e San Nicola: un ventenne in arresto

Daniele CecereSAN NICOLA LS. Gli agenti della squadra mobile di Caserta, diretta dal vicequestore Angelo Morabito, hanno arresto il ventenne Daniele Cecere, originario della provincia di Napoli e residente a San Nicola la Strada.

Il giovane era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalla procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, in quanto ritenuto responsabile, unitamente ad un complice minorenne, G.M., già arrestato dalla mobile casertana lo scorso 2 marzo, di una rapina ai danni dell’Ottica Tudisco di San Nicola.

La rapina – fanno sapere dalla Questura di Caserta – si inserisce in una più ampia serie di furti e rapine compiuti nei giorni precedenti a Caserta e paesi limitrofi con modalità pressoché analoghe da due giovani a bordo di un motorino. Il 18 gennaio scorso veniva consumato ai danni della Pizzeria “M2 o’ panzarotto” di Caserta, in via Ferrarecce, dove venivano prelevati circa 50 euro dal registratore di cassa e numerose bottiglie di birra. Il 28 gennaio rapina al tabacchino ubicato in piazza Cattaneo, a Caserta, dove due rapinatori armati di pistola si facevano consegnare circa 3mila euro. Il 30 gennaio, armati di pistola si facevano consegnare da due giovani donne sorprese in piazza Pitesti, a Caserta, le borse da cui sottraevano circa 40 euro e un telefono cellulare. Poi una tentata rapina ai danni del tabacchino in viale Lincoln, a Caserta, la sera del 2 marzo e dopo circa 20 minuti all’ottica Tudisco di San Nicola dove rapinavano la proprietaria ed una cliente occasionale dalle quali si facevano consegnare, sotto la minaccia di una pistola, circa 140 euro, un telefonino nonché diversi occhiali di marca.

Le indagini avevano consentito di individuare, a seguito della dettagliata descrizione fatta dalle vittime, uno dei rapinatori nel minorenne G.M. che era stato subito fermato dagli agenti della squadra mobile e riconosciuto dalle vittime. Ulteriori indagini avevano consentito di individuare il complice in Daniele Cecere, nei confronti del quale il sostituto procuratore Giuliano Caputo, che ha coordinato sin dalle prime fasi le indagini, chiedeva ed otteneva dal gip competente il provvedimento di arresto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico