Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Recale, Pdl: “Maggioranza applica Statuto a proprio uso e consumo”

Isidoro Marcello RECALE. “La seduta consiliare di giovedì 16 dicembre è stata l’ennesima prova che questa maggioranza applica lo Statuto in maniera arbitraria ed a proprio uso e consumo”. Lo afferma, in una nota, il gruppo consiliare del Pdl.

“Il lavoro del presidente del consiglio Roberto Massi – continuano i berlusconiani – è stato sicuramente pregevole nel reintegrare la riunione dei capigruppo. Pratica democratica caduta in disuso quando il sindaco ricopriva anche la carica di presidente del consiglio nonostante lo Statuto glielo vietasse. Il presidente Massi nella riunione dei capigruppo aveva invitato i consiglieri d’opposizione a rispettare lo Statuto e non fare interrogazioni perché durante l’approvazione del rendiconto finanziario non erano previste. I consiglieri d’opposizione si sono attenuti alla normativa ma quando hanno ricevuto la convocazione straordinaria d’urgenza del consiglio comunale appena ventiquattro ore prima, hanno capito che lo Statuto, per l’ennesima volta, veniva violentato dalla stessa maggioranza che ne aveva intimato il rispetto”.

“Appena aperti i lavori, infatti, – prosegue il Pdl – l’intera opposizione ha chiesto di rinviare la seduta perché la convocazione violava l’articolo 21 comma 3 dello Statuto in quanto non era stata convocata una seduta ordinaria e la notifica non era pervenuta con cinque giorni liberi d’anticipo. Lo Statuto è molto chiaro nel definire in quali occasioni la seduta deve essere obbligatoriamente ordinaria e non straordinaria ed uno dei casi è proprio l’approvazione del rendiconto finanziario. Ovviamente la maggioranza si è sentita sotto smacco ed ha cercato comunque di proseguire perché c’era l’intento di approvare un debito fuori bilancio posto al punto due dell’ordine del giorno. Per togliere la maggioranza dall’impaccio il presidente Massi ha chiamato il segretario che ha fatto un intervento da vero politico. Ha avuto la capacità di dire il nulla con un giro di parole e di invitare la maggioranza a proseguire. Addirittura ha parlato di documentazione già disponibile in sede di riunione dei capigruppo; documentazione che ai consiglieri era stata solo sventolata sotto al naso senza poter essere visionata. Quando si è messa ai voti la proposta di Marcello Isidoro di rinviare il consiglio, ovviamente la maggioranza, debitamente imbeccata dal ‘sindaco-segretario’, ha votato contro dimostrando disprezzo dello Statuto”.

“L’unico consigliere di maggioranza che ha mostrato buonsenso astenendosi, – conclude il Pdl – quindi mettendo in dubbio quanto affermato dal segretario, è stato Giovanni Caporaso. Proprio Caporaso è stata la dimostrazione che a volte, su argomenti ed atteggiamenti del sindaco che sono chiaramente non condivisibili dai più, non è giusto applicare la politica del gregge ma votare secondo coscienza! L’opposizione ha apprezzato il gesto di Caporaso”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico