Maddaloni - Valle di Maddaloni

Ferraglia caricata su un camioncino: denunciato romeno

 MADDALONI. I carabinieri del nucleo radiomobile di Maddaloni nella serata di mercoledì hanno denunciato in stato di libertà un romeno di 38 anni, romeno, privo di documenti, domiciliato presso il campo nomadi di Caivano, in località Pascarola, e gravato da vari precedenti.

La pattuglia ha notato un motocarro a Maddaloni, che viaggiava lungo lastrada provinciale335 carico di ferraglia, così ha proceduto al controllo del mezzo. Il cassone del motocarro era stato riempito convari metri cubi di rifiuti speciali quali vecchi elettrodomestici, pneumatici, bombole vuote, lamiere, tubi e materiale ferroso vario, in assenza di qualsiasi autorizzazione al trasporto e allo scarico di rifiuti.

Il romeno è risultato inoltre privo di patente di guida, mai conseguita, e gravato dal provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Maddaloni per 3 anni, oltre ad avere vari precedenti; invece il veicolo era privo di copertura assicurativa obbligatoria. Sia il mezzo che il carico sono stati posti sotto sequestro.

Alla luce di quanto accertato, il romeno è stato denunciato in stato di libertà per trasporto illecito di rifiuti speciali, per guida senza patente e per violazione del foglio di via obbligatorio, provvedimento che gli vietava di venire a Maddaloni.

Il problema dell’abbandono incontrollato di rifiuti, speciali e non, soprattutto nelle aree rurali o in quelle periferiche del territorio, è sempre attuale; pertanto i carabinieri continuano a tenere elevata la soglia dell’attenzione per prevenire e reprimere questo grave fenomeno. A volte le persone fermate obbiettano che raccogliendo il ferro per rivenderlo, seppure con attività abusiva, svolgono di fatto un servizio di raccolta di rifiuti; tuttavia la considerazione è frettolosa e superficiale, poiché tutto il materiale non riutilizzabile o che non si riesce a rivendere, poi non viene smaltito regolarmente, ma finisce scaricato abusivamente in qualche strada secondaria del territorio.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico