Italia

Via le piogge, arriva il gelo: sole e temperature in discesa di 10-15 gradi

 ROMA. Dopo le piogge a Natale, con il livello dei fiumi del nordest monitorato costantemente e la paura di una nuova alluvione in Veneto, arriva il gelo.

Nelle prossime ore le temperature scenderanno anche di 10-15 gradi in buona parte del paese: sarà dunque un capodanno al freddo, anche se il maltempo lascerà spazio ad una situazione più stabile fino al 9 gennaio, con tempo soleggiato quasi ovunque.

“La diminuzione nei prossimi giorni potrà raggiungere anche i 10-15 gradi – dice il climatologo dell’università di Firenze Giampiero Maracchi – anche se la fase acuta del maltempo che flagella l’Italia da un paio di mesi sembra in via di esaurimento”. Quel che ci si sta lasciando alle spalle è stato comunque “un autunno anomalo” precisa Maracchi, “per frequenza e intensità dei fenomeni”. Basti pensare che “le precipitazioni dal 22 ottobre e per tutto novembre e dicembre, sono state circa il 60-70 per cento di quanto normalmente avviene in un anno”.

Intanto, è rientrato l’allarme per i fiumi veneti e liguri. Tra le province di Padova e Vicenza non preoccupano più il Bacchiglione, protagonista dell’alluvione di inizio novembre, e il Fratta: i livelli di entrambi si sono notevolmente abbassati ed è rientrato l’allerta scattato la sera della vigilia di Natale, quando per alcune ore si è temuta una nuova esondazione del Bacchiglione. A causa del maltempo comunque, si sono registrati disagi notevoli nel vicentino, frane nel veronese e nel trevigiano con l’evacuazione di alcune famiglie a scopo precauzionale per l’innalzamento dei livelli di Piave e Livenza. Rientrato l’allarme anche a Venezia dove l’acqua alta, dopo aver toccato una punta massima di 144 cm sul livello del mare la sera del 23 dicembre, ha toccato i 105 centimetri. E anche in Emilia sono passate senza danni le piene dell’Enza, del Panaro, del Reno e del Secchia.

Disagi provocati dalle frane invece in Liguria, soprattutto nello spezzino, anche se il livello del Magra si è abbassato e non desta più allarme. Tellaro, la frazione delle Cinque Terre, è ormai isolata da quattro giorni a causa di una grande frana: i rifornimenti arrivano dal mare grazie all’intervento delle motovedette delle Capitanerie di Porto e della Protezione Civile. Problemi anche ad Ameglia, Fiascherino, Lerici, Carrodano, in alcuni paesi della val di Vara.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico