Italia

Berlusconi: “O fiducia forte o voto”

Silvio Berlusconi ROMA. “Lasciamo agli altri le manovre e gli agguati di palazzo. Lasciamo agli altri le chiacchiere e le polemiche inutili. Noi continuiamo a lavorare e a cercare di comunicare ai cittadini le cose realizzate dal governo”.

Silvio Berlusconi torna a parlare ai suoi sostenitori attraverso un messaggio sul sito forzasilvio.it e in attesa del voto di fiducia al governo atteso per il 14 dicembre, annuncia nuove iniziative di comunicazione in casa Pdl. Insomma, non ci sono problemi per la tenuta del governo, continua a ripetere il premier, ma allo stesso tempo ci si prepara in vista di possibili elezioni.

“Se il 14 dicembre non avremo una forte e consistente fiducia e ci sarà impedito di continuare a governare, useremo queste iniziative nella prossima campagna elettorale”. Le iniziative alle quali fa riferimento il premier Silvio Berlusconi nel nuovo annuncio pubblicato su forzasilvio.it sono le nuove tecnologie, ovvero Internet Iphone e Ipad. Il presidente del Consiglio, torna così a mettere in chiaro l’intenzione di chiedere il voto nel caso in cui la fiducia non ottenga numeri consistenti e annuncia una nuova campagna di comunicazione al passo coi tempi.
L’utilizzo di Internet, IPhone e Ipad, spiega il premier, sarà messo a disposizione di chiunque voglia “sapere la verità” e “saranno un esempio della ‘moralità del fare’ che è il marchio del nostro stare in politica e che consiste essenzialmente nel rispettare il programma e nel non tradire il mandato avuto dagli elettori”.

“Noi siamo ‘Il Governo del fare’ – scrive Silvio Berlusconi ai suoi sostenitori – Lo abbiamo dimostrato anche in queste ultime difficili settimane, lavorando per portare a compimento i cinque punti di programma sui quali abbiamo avuto la fiducia alla fine di settembre, conseguendo importanti successi in politica estera, intervenendo, tra mille difficoltà, per risolvere la nuova emergenza rifiuti di Napoli, approvando alla Camera la riforma dell’università”.

Intanto, la conferenza dei capigruppo a Montecitorio ha stabilito i tempi del voto sulla sfiducia al governo. La discussione generale della mozione di sfiducia inizierà alle 16 del 13 dicembre, mentre le dichiarazioni di voto si terranno il 14 dicembre a partire dalle 10:30, e saranno trasmesse in diretta televisiva. Dal 6 dicembre fino al 13, per una settimana, i lavori parlamentari saranno sospesi. La richiesta avanzata dal Pdl di non esaminare in Aula nessun provvedimento prima del voto sulla sfiducia, ha suscitato il malumore dell’opposizione che accusa: “Scelta determinata da ragioni politiche”. Tra i provvedimenti congelati, la mozione di sfiducia al ministro Sandro Bondi dei Beni culturali Sandro Bondi.

E a proposito di sfiducia, anche il leader dell’Udc Pierferdinando Casini ha annunciato che il gruppo del partito centrista alla Camera ha deciso all’unanimità di presentare una mozione. “E’ una strada obbligata, in coerenza con gli impegni presi – ha spiegato Casini – Se Berlusconi dovesse dimettersi prima sarebbe un gesto di grande intelligenza”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico