Cesa

Le grotte cesane e il vino asprinio alla Mostra d’Oltremare

Umberto Guarino e Alfredo Oliva alla Mostra d'OltremareCESA. Un mostra fotografica per far conoscere il patrimonio sotterraneo delle grotte cesane e la produzione del vino asprinio è stata allestita alla Mostra d’Oltremare di Napoli per la terza edizione di “Mondo Camper Sud. Il turismo plein air”.

La manifestazione, giunta alla terza edizione, raccoglie tutte le informazioni necessarie per i camperitsti che amano i viaggi di avventura e, soprattutto, alla scoperta dei tesori più nascosti. Così lo stand della Provincia di Caserta, curato dal presidente dall’Unpli Franco Pezone, ha proposto i prodotti d.o.c. delle nostre terre come l’olio extravergine di oliva di Ruviano e di Raviscanina, i formaggi e latticini di Castel di Sasso e la mozzarella di Presenzano,il Casatiello di Sant’Arpino, le Mele annurche di Valle di Maddaloni e il Vino Asprinio di Cesa. Un’importante vetrina, quindi, per far conoscere a livello nazionale un prodotto come il vino asprinio che è stato definito l’oro locale.

“La manifestazione Camper Sud– ha affermato il presidente della Pro Loco cesana Umberto Guarinoha una valenza nazionale ed è stata un’esperienza di grande interesse per conoscere il panorama degli itinerari enogastronomici della penisola. Il mondo dei camperisti che, con proprie strutture e mezzi, si muove in massa per itinerari prestabiliti garantiti da uffici di riferimento sono un grosso indotto per un turismo da scoprire. In questo ambito la Proloco di Cesa, grazie alla intensa collaborazione con l’Unpli di Caserta, si è inserita con il percorso enogastronomico legato alle alberate aversane del Vino asprinio, da sempre è fulcro delle manifestazioni più importanti della Proloco. L’Unpli, presente alla fiera con uno stand, ha ben rappresentato tutte le peculiarità della Provincia – conclude Guarino – dando il giusto e meritato riconoscimento anche alla nostra Proloco con una mostra di tavole illustrative e con le bottiglie di vino asprinio dei principali produttori vitivinicoli della zona aversana: Cantine Caputo, Magliulo e i Borboni, che, corredata della bella scenografia, ha attirato l’attenzione dei visitatori”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico