Caserta

Rifiuti, Brancaccio: “Zinzi non riesce ad amministrare”

Angelo BrancaccioCASERTA. “Nonostante la maggioranza numerica personale che è assolutamente trasversale che il presidente ha costruito grazie ad una serie di errori commessi dal centrodestra in sede di formazione della giunta e, grazie, soprattutto, …

… ad una serie di prebende ed elargizioni che, alla lunga, lo porteranno al collasso, Zinzi non riesce ad amministrare”.

E’ impietoso il giudizio del consigliere e commissario dei Popolari per il Sud Angelo Brancaccio a proposito dell’operato del presidente dell’amministrazione provinciale. Brancaccio affonda il colpo soprattutto per quello che riguarda la questione rifiuti. “Nonostante io non abbia il pedigree del ‘professor scienziato’ Arena, da una prima analisi, mi sono accorto che ci sono delle illegittimità nella delibera sull’individuazione degli impianti fatta dalla Provincia – ha spiegato – per questa ragione ho già dato mandato ai miei legali per presentare ricorso al Tar prima della scadenza dei sessanta giorni”.

Brancaccio è preoccupato per la decisione di allocare il sito di digestione anaerobica all’interno dell’ex area Saint Gobain a Caserta e il gassificatore a Marcianise. “Si tratta di strutture nocive per la salute dei cittadini perché ancora sperimentali – ha detto – se questa mia affermazione è fasulla, perché Zinzi e Arena non li realizzano sotto casa propria? Non mi sembra che nessuno dei due abiti né nella Saint Gobain né a Marcianise…”.

L’esponente dei Popolari per il Sud è pronto a sostenere la mobilitazione popolare che si è sviluppata a Marcianise e che sta nascendo anche a Caserta. “Anche se mi aspettavo una maggiore partecipazione – ha detto – sono pronto a sostenere ogni qualsiasi forma di lotta contro questo impianto come Brancaccio. Vista la pericolosità per la salute pubblica di questi impianti, non voglio dare nessuna coloritura politica e partitica a questa battaglia. Sarò al fianco di tutti quelli che hanno a cuore la salute dei cittadini senza guardare tessere e schieramenti di provenienza”.

Sulla partita dei rifiuti, arriva una bocciatura su tutto il fronte per l’amministrazione Zinzi. “In questi primi mesi di amministrazione abbiamo assistito ad una gestione confusa e dispendiosa della questione rifiuti basata su un sistema clientelare come dimostrano i tanti esperti e consulenti assunti alla Gisec e all’assessorato di cui svelerò cifre, costi, inutilità, legami familiari e politici in un’apposita conferenza stampa – ha detto Brancaccio – ora capisco a cosa si riferiva Zinzi quando, nei giorni scorsi, a Roma, ha dichiarato: la Provincia è pronta. Il presidente intendeva dire che la Provincia è pronta a prorogare la gestione, visto che la Gisec, ha già notificato ai sindaci, prima ancora che si esprimesse il governo, il fatto che il servizio di raccolta e smaltimento restava nelle loro mani per un altro anno”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico