Sant’Arpino

Pd: “Lettera non ha argomenti concreti”

 SANT’ARPINO. “L’assessore Giuseppe Lettera, a corto di argomenti concreti, la butta in giudiziaria”. Così, in una nota, l’ufficio politico del Pd commenta la reazione dell’assessore nell’ambito della polemica sugli incarichi legali al Comune.

“Confessiamo di non esserci spaventati, – continuano dal Pdl – aspettiamo di poter dire anche in sede penale e civile la nostra valutazione politica suffragata da fatti ed atti, peraltro confermata da un componente della maggioranza. Porterà in giudizio anche lui? Ecco cosa ha affermato il consigliere Domenico D’Antonio, nel denunciare l’immobilismo della Giunta: ‘C’è stato un notevole deficit di confronto all’interno alla maggioranza anche in ordine a problematiche di primaria importanza, a cominciare dalle decisioni che riguardano il riassetto definitivo del nostro territorio, la scuola, e il personale. Ritengo doveroso che chiunque rivesta ruoli di responsabilità all’interno della giunta continui a tenere un comportamento che lo ponga al di sopra di ogni sospetto e che non faccia mai intersecare il suo ruolo politico ed istituzionale con quello professionale e privato. Bisogna cambiare metodo perché in quest’ultimo periodo ci sono stati troppi interventi a pioggia, frutti del caso e senza programmazione che hanno provocato un ingente aggravio erariale per le casse comunali’. La scuola, settore al quale sovrintende Lettera, è, come si può osservare, al secondo posto della richiesta di verifica. Non riteniamo di dovere aggiungere altro. Una sola cosa vogliamo ricordare all’assessore, di essere un poco più umile e riconoscere che ricordare gli insuccessi non è diffamante, specialmente se sono veri. E se proprio ci tiene a dimostrare di aver operato correttamente sul piano politico, si adoperi perché venga istituita la Commissione di inchiesta, così come prevista dallo Statuto comunale e in quella sede, politica, risponde alle nostre accuse politiche assessore, politiche, e dimostri se ha operato correttamente”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico