Home

Aquilani: “Non torno alla Roma”

Alberto Aquilani Ha disputato un ottimo inizio di stagione culminato sabato sera nella grande prova contro il Milan. Ora il centrocampista della Juventus Alberto Aquilani esce allo scoperto sul suo futuro: “Non torno a Roma”.

Si sta rivelando uno degli acquisti più azzeccati della dirigenza juventina. Dopo l’esperienza inglese al Liverpool, l’ex romanista aveva bisogno di riscattarsi, di sentirsi di nuovo importante nei piani di un allenatore. Riscatto che non si è fatto attendere proprio a Torino dove la sua tecnica si sta unendo con armonia alla fisicità di Felipe Melo.

Ospite alla “Domenica Sportiva”, Aquilani, con la certezza del suo presente alla Juventus, si è pronunciato riguardo al suo futuro: “Il presente dice Juventus, per il futuro si vedrà, tutto dipende dal contratto. La Juve può riscattarmi ma ad una cifra abbastanza alta. Le società si dovranno mettere d’accordo ma penso che non ritornerò a Roma”. Insomma, parole che sanno tanto di incertezza e che lasciano tutto in mano alla dirigenza bianconera.

Aquilani si è pronunciato anche su Antonio Cassano: “E’ molto forte e un giocatore come lui non può che far comodo ad una qualsiasi squadra – dice Aquilani -ma di un suo possibile arrivo a Torino si occupa la società. Io non sono sicuro del mio futuro, figurarsi se posso saper qualcosa del futuro di Cassano”.

Intanto, Cassano sembra comunque aver risolto gli screzi che l’hanno visto protagonista con il presidente della Sampdoria Garrone avendogli chiesto umilmente scusa. La Juve resta comunque alla finestra e lo stesso tecnico della Juventus Delneri non sarebbe dispiaciuto di averlo a disposizione: “Come talento calcistico Antonio non si discute. – afferma il tecnico bianconero – Quando sono andato via da Roma ho lasciato un giocatore molto maturo e non riesco a capire cosa gli sia successo. Nei primi mesi non andavamo d’accordo poi c’è stato un rapporto intenso. Lui ha questo carattere particolare, è un ragazzo bizzarro ma ripeto dal punto di vista calcistico non si discute”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico