Esteri

Francia, Sarkozy “sposta a destra” il suo governo

Nicolas SarkozyPARIGI. Nuovo governo per la Francia, nominato a tempo di record dal presidente Nicolas Sarkozy. Francois Fillon è stato confermato nella carica di primo ministro, mentre come titolare della Difesa è stato chiamato Alain Juppé, 65 anni, ex premier, supertecnico gollista, che sostituisce Hervè Morin.

Ministro degli Esteri è la gollista Michèle Alliot-Marie, 64 anni, al posto di Bernard Kouchner, l’ex socialista che era stato il simbolo, nel 2007 , dell’apertura a sinistra della presidenza Sarkozy. Sono rimasti al loro posto il ministro delle Finanze, Christine Lagarde e quello dell’Interno, Brice Hortfeux, molto discusso in patria e all’estero dopo la stretta sui rom e i clandestini. Il ministro dell’Ambiente, Jean-Louis Borloo -“numero due” del governo uscente e fino a qualche giorno fa lanciatissimo verso la poltrona di primo ministro – ha fatto un passo indietro, sostituito da Nathalie Kosciusko-Morizet.

Lascia il suo posto il ministro del Lavoro Eric Woerth, coinvolto nello scandalo Bettencourt e autore della riforma delle pensioni, sostituito da Xavier Betrand, presidente del partito di maggioranza Ump di cui fa parte lo stesso Sarkozy.

Infine, escono di scena figure molto note rappresentanti delle minoranze etniche, come il ministro delle città, Fadela Amara, e il ministro dello Sport, Rama Yade, che si era distinta per le feroci critiche alla nazionale di calcio, dopo la magra figura dei bleus di Domenech ai Mondiali di calcio in Sudafrica. Secondo gli osservatori, il nuovo governo marca uno spostamento a destra della politica francese.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico