Campania

Operazione “Untochable”, sequestrati beni per 5 milioni ai Casalesi

GdfROMA. Gli uomini del Gico della Guardia di Finanza di Roma hanno sequestrato, tra la capitale e le province di Napoli e Caserta, beni per cinque milioni di euro ad imprenditori ritenuti vicini al clan dei Casalesi.

Si tratta di sei aziende (un allevamento bufalino e produzione latte, un’impresa edile, una di noleggio biancheria, una di commercio all’ingrosso di prodotti in pelle e distributori di carburanti), nove immobili tra ville, appartamenti, box e cantine, e 38 conti correnti e polizze a vita.

I sequestri sono la prosecuzione dell’operazione “Untochable”, coordinata dai pm della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, Maria Cristina Ribera, Giovanni Conzo e Raffaello Falcone, portata a termine dal Gico di Roma lo scorso 22 luglio, quando fu smantellata un’associazione per delinquere di stampo mafioso, costituente il cosiddetto “braccio imprenditoriale” della camorra dei Casalesi, ,in particolare della fazione che fa riferimento a Francesco Schiavone detto “Sandokan”, in carcere al 41bis. Soggetti definiti dallo stesso clan “intoccabili”, che avevano il compito di reinvestire i proventi illeciti in attività economiche legali, non solo nell’area del casertano, ma anche in altre regioni d’Italia, come Lazio, Toscana e Abruzzo.

Proprio per quanto riguarda l’Abruzzo, l’operazione consentì di accertare il tentativo del clandi infiltrarsi negli appalti per la ricostruzione post terremoto,intercettando colloqui telefonici con i quali gli arrestati disponevano l’invio del denaro necessario a finanziare le imprese costituite a L’Aquila.

Articoli correlati

L’ombra dei casalesi sulla ricostruzione a L’Aquila: sei arresti di Redazione del 22/07/2010

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico