Campania

Le province di Caserta e Salerno accolgono i rifiuti di Napoli

 NAPOLI. Dal casertano e dal salernitano arriva un aiuto al comune di Napoli per il conferimento dei rifiuti. E’ quanto emerso dalle riunioni tenutesi sabato, che seguono l’appello lanciato dal sindaco del capoluogo campano Rosa Russo Iervolino.

Allo scopo di ripristinare il corretto ciclo dei rifiuti, riattivando la piena funzionalità degli Stir, e avendo preso atto della drammaticità della situazione dello smaltimento dei rifiuti in alcune zone della Regione e della necessità di una solidarietà che investa tutte le province campane, la Provincia di Caserta ha accolto le pressanti richieste provenienti dalla Regione Campania, dalla Provincia e dal comune di Napoli.

L’Ente di corso Trieste, in piena condivisione con le forze politiche espressioni dell’intero Consiglio Provinciale, si è detto disposto a ricevere a San Tammaro un totale di 1500 tonnellate di frazione organica proveniente dagli Stir napoletani di Caivano e Giugliano, con un flusso di 300 tonnellate giornaliere per soli 5 giorni. Parallelamente, saranno ritirate dallo Stir di Santa Maria Capua Vetere 2000 tonnellate di secco trito-vagliato, da spedire successivamente al termovalorizzatore di Acerra.

Inoltre, la Provincia di Caserta ha avuto garanzie dalla Regione Campania affinché dia il via al completamento, con oneri a proprio carico, dell’impianto di compostaggio di San Tammaro già dalla prossima settimana, con l’impegno di concluderli entro la primavera 2011. E’ stato concordato con la Provincia di Napoli il piano di rientro dei 14 milioni di euro di debito della Provincia di Napoli nei confronti della Provincia di Caserta, che deve completarsi in non più di 4 mesi a far data da oggi.

Infine, Caserta a ricevuto garanzie certe in merito all’approvazione del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri contenente la modifica sulla divisione del Consorzio Unico tra le articolazioni di Napoli e di Caserta, con le conseguenti positive ricadute per i lavoratori casertani.

L’accordo è stato raggiunto nel pomeriggio, nel corso di un incontro tenutosi presso la sede della Provincia di Caserta, al quale hanno preso parte il presidente Domenico Zinzi, il presidente del Consiglio Provinciale, Giancarlo Della Cioppa, il capogruppo del Pd, Giuseppe Stellato, il capogruppo del Nuovo Psi, Pietro Riello, il vicecapogruppo del Pdl, Nicola Garofalo, il presidente della Commissione Ambiente della Provincia, Antonio Magliulo.

Anche Salerno viene in aiuto a Napoli: accoglierà le 300 tonnellate di rifiuti della produzione giornaliera napoletana. Nella notte tra sabato e domenica saranno sversate 300 tonnellate tra gli Stir di Caivano (Napoli), dove già conferivano, e Battipaglia (Salerno). A queste si aggiungono le altre 600 tonnellate abitualmente sversate nella discarica napoletana di Chiaiano. Resteranno in strada 300 tonnellate che vanno ad aggiungersi alla quantità pregressa (1200 tonnellate).

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico