Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Unità d’Italia, celebrazioni con il reduce Pasquale Mone

Pasquale MoneCAIAZZO. Pasquale Mone, 95 anni. Ha partecipato anche lui, uno dei pochi reduci di Caiazzo, alla manifestazione organizzata domenica 7 novembre dall’Amministrazione per celebrare le Forze Armate e l’Unità d’Italia.

Una cerimonia iniziata alle 9.30 circa con raduno in piazza Verdi e seguita con la Santa Messa celebrata nella vicina Cattedrale da monsignor Antonio Chichierchia. Un pensiero è andato ai militari che a tutt’oggi sono al fronte in nome della patria e ai Caduti di tutte le Guerre perché “il Signore li faccia partecipare – ha detto il prelato – alla pienezza della Redenzione”.

La vittoria della Prima Guerra Mondiale del 4 novembre del 1918 e con essa le Forze Armate e l’Unità d’Italia nel suo 150esimo anniversario sono state ricordate anche con un corteo e con le classiche deposizioni di corone di alloro, nel dettaglio una presso la Cappella Votiva ubicata proprio nel caratteristico centro storico di Caiazzo, l’altra ai piedi del Monumento ai Caduti di piazza Portavetere. Non sono mancati un folto gruppo di rappresentanti dell’amministrazione comunale, con in prima fila il sindaco Stefano Giaquinto accompagnato dal vicesindaco Tommaso Sgueglia e il primo cittadino baby Vincenzo Manzi e delegati dell’associazionismo locale. Il riferimento va in particolare all’Associazione dei Carabinieri in Congedo e al sodalizio dei Combattenti e Reduci.

clicca per ingrandire

La manifestazione si è conclusa nella Chiesa dell’Annunziata. Il corteo è ritornato infatti al punto di partenza per raggiungere la restaurata e storica struttura che per l’occasione ha ospitato una mostra di foto di Caduti, dispersi e rientrati catalogati in ordine alfabetico e per conflitto dal 1915 al 1945. Un’esposizione, frutto di un lavoro certosino e meticoloso di Gaetano D’Agostino, per dare un volto ai tanti caiatini che hanno sacrificato e dato la loro vita per la Patria, una raccolta di scatti che “presto saranno racchiusi – hanno anticipato gli amministratori – in una pubblicazione”.

“Un’occasione per familiari e amici per rendergli onore, un momento dedicato alla memoria perché la memoria ha un grande futuro. E non possiamo non ricordare le forze armate – sostiene il sindaco Giaquinto – Oggi sono tutori di pace e democrazia, valori fondanti della nostra Nazione”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico