Santa Maria C. V. - San Tammaro

Rauso: “Un giorno di ordinaria follia al cimitero”

 SANTA MARIA CV. “Che questa amministrazione comunale non avesse a cuore le sorti della città, l’abbiamo capito da molto tempo, ma che si venisse meno ad ogni forma di rispetto verso i nostri Defunti è incredibile”.

Lo afferma il consigliere di opposizione Gaetano Rauso che domenica mattina, verso le dieci, si è visto chiamare a casa da alcuni cittadini i quali lamentavano la possibilità che il cimitero venisse chiuso alle 13.30 e che all’entrata laterale del nuovo cimitero era stato attivato un parcheggio a pagamento abusivamente. “Mi sono recato sul posto – racconta Rauso – e, solo grazie all’intervento del tenente Aulicino è stata scongiurata la chiusura del cimitero in questa giornata particolare. Mentre ho potuto constatare che veramente, in forza di una delibera della Giunta di qualche anno fa, ma senza alcuna autorizzazione, è stato attivato un parcheggio a pagamento nelle vicinanze del canile municipale. Ormai siamo alla completa anarchia e non c’è un amministratore che si interessi di cosa succede in queste giornate così particolari. L’assessore, peraltro, non è neanche di Santa Maria”.

Poi Rauso denuncia: “Il cimitero è in mano a personaggi che taglieggiano i parenti dei defunti ed impongono un vero e proprio pizzo per le tumulazioni o saccheggiano cappelle private. Ho assistito personalmente a scene sconcertanti ed a proteste vibrate di cittadini che inveivano denunciando questi fatti o ad altre proteste di lamentava la mancanza di sicurezza, per la cattiva manutenzione e la mancanza di coperchi sui chiusini dell’impianto elettrico”.

“Ma non voglio dare l’impressione di speculare su questa giornata e su questo delicato argomento, – conclude il consigliere – tutti possono verificare quanto ho detto, anche dalle foto che allego a quest’articolo. Il mio rammarico che un’amministrazione curi solo altri intessi e non quelli della città, senza alcun rispetto nemmeno per i nostri Defunti”.

Rauso invia anche alcune foto che documentano lo stato di degrado in cui versa il cimitero. Clicca per ingrandire:

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico