Orta di Atella

Da industriale a residenziale violando il Prg: maxi sequestro ad Orta di Atella

uno degli edifici sequestratiORTA DI ATELLA. 10 edifici, per circa 150 appartamenti, e una serie di terreni, per un valore complessivo di 35 milioni di euro, sono stati sequestrati nella mattinata del 26 ottobre ad Orta di Atella, in località Astragata, dai carabinieri del reparto territoriale di Aversa, …

… coordinati dal tenente colonnello Francesco Marra e dal capitano Domenico Forte, su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

L’indagine è iniziata nel marzo scorso, ad opera dei carabinieri della stazione di Orta di Atella e si è giovata, tra l’altro, degli esiti di una corposa consulenza tecnica. La lottizzazione abusiva – che ha determinato opere di trasformazione urbanistica del territorio in violazione delle prescrizioni degli strumenti urbanistici – è stata realizzata da tre imprese di costruzioni, la Ital Group srl, la Polar Costruzioni spa e l’Archedil Costruzioni srl, tutte con sedi nel vicino hinterland napoletano, i cui titolari hanno edificato in virtù di provvedimenti illegittimamente rilasciati da funzionari, ritenuti “compiacenti” del Comune di Orta di Atella.

I titoli abilitativi hanno autorizzato interventi diretti dei privati in zone prive di opere di urbanizzazione primaria (rete fognaria, viaria, idrica), e sono stati rilasciati in assenza di piani attuativi e di piani di lottizzazione, necessari invece per il tipo di intervento realizzato in quella zona.

la conferenza stampaI complessi edilizi oggetto del sequestro sono costituiti da circa 150 unità abitative, di cui alcune già vendute e altre – la maggior parte – ancora invendute e intestate tuttora alle società committenti Polar Costruzioni e Archedil Costruzioni.

Il sequestro preventivo si è reso necessario anche per evitare che la libera disponibilità degli appartamenti da parte delle società che hanno posto in essere la lottizzazione abusiva finisca per aggravare o protrarre le conseguenze dei reati accertati finora (abusi edilizio e abusi di ufficio) e, in particolare, per scongiurare ai futuri terzi interessati il pericolo di acquistare appartamenti facenti parte di una lottizzazione abusiva, con conseguente potenziale rischio di danno economico per gli stessi. In molti degli appartamenti sequestrati vivono circa 25 famiglie che, comunque, come hanno precisato i carabinieri, non sono state sgomberate.

Complessivamente sono 13 gli indagati, tra cui alcuni tecnici comunali. Nel corso della conferenza stampa, presenziata dal procuratore aggiunto della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Raffaella Capasso, e dal pm Donato Ceglie, è stato inoltre annunciato che le indagini proseguono anche per verificare la compiacenza anche di amministratori comunali.

da Tv Luna2

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico