Italia

Roma, uova e fumogeni contro sede Cisl

Raffaele Bonanni ROMA. Dopo la contestazione al segretario RaffaeleBonanni durante la festa del Pd a Torino, la Cisl torna nel mirino. I muri della sede di via Po, a Roma, sono stati imbrattati di vernice rossa e uova.

Lanciati anche dei fumogeni e sparsi dei volantini a firma di un gruppetto non identificato di esponenti di “Action diritti in movimento”.

Sulla vicenda indaga la Digos, che hagià acquisito i filmati delle telecamere di sicurezza posizionate all’ingresso della sede del sindacato. Sempre mercoledì mattina, un gruppo di militanti della Fiom ha fatto irruzione nella sede della confederazione a Merate, in provincia di Lecco, lanciando insulti ai lavoratori e distribuendo volantini.

“Si è trattato – denuncia la Cisl in una nota diffuso dopo il blitz nella sede nazionale – di un fatto molto grave che si aggiunge ai numerosi attacchi e aggressioni in corso in questi giorni nei confronti delle sedi sindacali della Cisl. La Cisl esorta i suoi iscritti, i suoi militanti e tutta la dirigenza a non farsi intimidire da questi episodi di puro squadrismo organizzato ed invita il mondo politico ed istituzionale, e tutte le espressioni della società civile, a non dare spazio ai provocatori di ogni genere, prendendo le distanze in maniera netta da chi vuole destabilizzare il paese attraverso questi episodi di squadrismo e di violenta intolleranza nei confronti di una organizzazione sindacale libera e democratica come la Cisl”.

SOLIDARIETA’ BIPARTISAN.“Desidero esprimere totale solidarietà alla Cisl per il grave episodio che fa seguito all’indegna e pericolosissima aggressione di un mese fa contro il segretario Bonanni. – afferma il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone Nell’arcipelago dell’ultrasinistra ci sono pulsioni e atteggiamenti violenti, che la sinistra democratica ha il dovere di condannare e isolare, rompendo ogni rapporto con chiunque abbia toni incendiari o approcci variamente giustificazionisti”. “Voglio esprimere al segretario Bonanni la solidarietà dei deputati del Pd e mia personale – afferma dal canto suo Dario Franceschini – per l’ennesimo episodio di intimidazione nei confronti della Cisl. Si tratta di gesti inconsulti che vanno prontamente fermati”. “Il Pd – ricorda – ha già chiesto al governo di riferire in aula sull’accaduto. Episodi come questi non vanno mai trascurati e sottovalutati perché segnano un clima di intolleranza nel paese che va subito circoscritta e contrastata”.

SACCONI: “COLPA DEL GOVERNO, NON DICIAMO STRONZATE”. A chi gli chiede se i fatti di oggi possano essere un segnale per il governo che non avrebbe fatto abbastanza per i diritti dei lavoratori, il ministro Maurizio Sacconi risponde duro “non diciamo stronzate. Non c’è nulla che possa giustificare le bestie che hanno agito oggi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico